Salario minimo? Si facciano prima rispettare i contratti in essere.

By on 25 Giugno 2019

Mentre gli azionisti di maggioranza del governo Lega e M5s non lesinano i botta e risposta sul salario minimo orario e sulla flat tax, le proposte di legge che si trovano in Parlamento (cui tutto l’arco ha contribuito) passano al vaglio delle parti sociali. E i primi giudizi che arrivano dalle audizioni alla Camera non sono positivi.

Cgil, Cisl e Uil hanno fatto riferimento nel loro intervento alla contrattazione collettiva, sottolineando come – a differenza di quel che sta accadendo in Europa – in Italia si stia affermando “una proliferazione contrattuale, la diffusione di contratti poco e per nulla rappresentativi e in dumping (anche dal punto di vista retributivo) rispetto ai contratti stipulati dalle parti sociali maggiormente rappresentative. Questo è il vero problema – denunciano i sindacati – insieme alla evasione contrattuale e al crescente sommerso in molte attività”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.