ROMA, NAPOLI E JUVE SCAPPANO. CROLLANO LE MILANESI.

By on 7 Ottobre 2013

di Gianluca Colasanti

 

RomaInformazioneQuotidianaIQ. 07/10/2013- Erano molte le conferme richieste in questa giornata di Serie A e come accade spesso ultimamente, tali conferme non hanno tardato ad arrivare. Il primo riferimento deve per forza di cose indicare la Roma, che ha illuminato la scala del calcio con una prestazione esemplare culminata con un secco 3 a 0 ai danni dell’Inter. Questo settimo sigillo consecutivo, permette alla squadra di Garcia di godersi il primato solitario con la consapevolezza di poter affrontare alla pari qualsiasi avversario. Discorso diverso per l’Inter che subisce la prima sconfitta stagionale in una gara da dimenticare. Conferme anche dallo Juventus Stadium dove, in uno dei due posticipi, la Juve si tiene a distanza ravvicinata dai giallorossi imponendosi 3 a 2 sul Milan dopo lo svantaggio maturato nei primi secondi di gioco in virtu’ del goal di Muntari.

Questa ferita stana i ragazzi di Conte che ancora una volta hanno una grande reazione d’orgoglio e trovano il pareggio con una punizione dell’ex Pirlo, riuscendo nella ripresa a portarsi addirittura sul 3 a 1(Giovinco e Chiellini) prima del secondo goal del bomber di serata Muntari che accorcia definitivamente le distanze.GiovincoInformazioneQuotidiana

Pareggio senza reti invece nell’altro posticipo della settima giornata tra Lazio e Fiorentina, risultato che allontana dalle posizioni nobili due formazioni di certo partite per fare un altro campionato. Tiene il passo delle prime anche il Napoli che ,dopo la batosta londinese, si sbarazza facilmente del Livorno con un secco 4 a 0 anche senza il bomber Higuain, bloccato da una contrattura.NapoliInformazioneQuotidiana

 

Ancora vittorioso il Verona di Mandorlini che abbatte letteralmente un Bologna in crisi nera. La squadra scaligera, per ora quinta in classifica, segna ben 4 reti al Dall’Ara mettendo in mostra ancora una volta le evidenti lacune difensive del Bologna(12 reti subite nelle ultime 3 gare), ancora a secco di vittorie dopo sette giornate. Stessa situazione per la Sampdoria che pareggia 2 a 2 in casa contro il Torino non senza qualche recriminazione visto il goal regolarissimo annullato a Pozzi sul finale di primo tempo.

Pareggio anche per Gasperini al suo ritorno sulla panchina del Genoa. I rossoblu riagguantano in extremis la partita contro il Catania, passato in vantaggio con Barrientos, grazie alla collaborazione di Legrottaglie che anticipa Gilardino e Andujar spedendo nella propria porta la palla dell’1 a 1. Risalgono la china Udinese ed Atalanta che battendo rispettivamente Cagliari(2-0) e Chievo(0-1) tornano in posizioni tranquille di classifica dopo un inizio non proprio esaltante. Ancora ultimo il Sassuolo che nonostante una buona prova, cade nel derby contro il Parma sotto i colpi di un Antonio Cassano particolarmente ispirato con un goal e due assist che firmano il quarto risultato utile consecutivo dei ducali.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.