Renato Brunetta: “Cosi’ ti smonto l’agenda Monti”

By on 27 Dicembre 2012

BrunettaIQ. 27/12/2012 – Senatore Monti,

prendendo per buono il titolo del Suo documento “Cambiare l’Italia, riformare l’Europa. Primo contributo ad una riflessione aperta”, ho pensato di mettere nero su bianco una serie di valutazioni critiche, con il solo intento di fare chiarezza e di fornire un contributo, non tanto a Lei, che non ne ha bisogno, quanto al dibattito politico programmatico in vista delle elezioni, in un momento così complicato per il nostro paese. Mi concentrerò soprattutto sulla parte relativa all’Europa e alla finanza pubblica e alla riforma fiscale e del mercato del lavoro.

Mentre sul resto lascerei stare, un po’ perché quanto letto sembra più il frutto di un banale taglia e cuci che una originale elaborazione, un po’ perché trattasi di affermazioni generiche, già ampiamente discusse, tanto in sede politica quanto in sede teorica, e quindi non meritevoli di particolare attenzione. Un solo rammarico: mi aspettavo di più. Molto di più. Ma tant’è. Andiamo con ordine.

Lei parla della costruzione di un’Europa “più integrata e solidale, contro ogni populismo” e inizia la Sua trattazione con la parola “crisi”. Peccato, però, che proprio della crisi nel testo manchi assolutamente un’analisi preliminare. Non viene detta, cioè, qual è la sua natura, da chi è stata prodotta, come si è sviluppata, quali sono le responsabilità.

Evidentemente non Le interessa. Come non Le è interessato, a livello di Europa, promuovere una simile riflessione. Lei in Europa ha accettato passivamente la linea sangue, sudore e lacrime della Germania. Per mancanza di coraggio, o perché Le andava bene così.

In ogni caso, senatore Monti, mi permetto di consigliarLe, unicamente per la Sua cultura personale, visto che non Le interessa dal punto di vista della Sua azione politica, di leggere le riflessioni di autori che sicuramente ben conosce, Paul Krugman, Joseph Stiglitz, Ben Bernanke, Paul De Grauwe. Chissà che non cambi idea.

Ciò detto, la frase messa in neretto “L’Italia deve battersi per un’Europa più comunitaria e meno intergovernativa, più unita e non a più velocità, più democratica e meno distante dai cittadini” suona quasi come una presa in giro: è il contrario di quello che è avvenuto in Europa, anche con il Suo contributo.

Tutte le decisioni del periodo della crisi si sono prese proprio a livello intergovernativo, con un’Europa disunita, divisa, oligarchica, distante dai cittadini. Con la Commissione di Barroso subalterna, prima all’asse franco-tedesco e poi alla sola Germania.

È, inoltre, populista affermare che è necessario dire se si è a favore o contro l’Europa, quando il problema è solo quello di dire quale Europa si vuole. Mettere insieme le due domande è fuorviante e innesta il populismo antieuropeo che si pretende di combattere.

Non è neppure discriminante dire che la risposta a “quale Europa” significa scegliere il metodo comunitario contro il metodo intergovernativo, con il superamento dei pregiudizi nazionalistici, se non si dice chiaramente cosa è accaduto fino ad oggi.

Che, cioè, il metodo intergovernativo si è rafforzato con la crisi e il direttorio Merkel-Sarkozy, quelli dei sorrisetti, e che i pregiudizi nazionalistici non provengono dai paesi europei “mediterranei”. Se non si dice chi ostacola il passaggio a un metodo comunitario che implica che non si pesi la forza dei paesi come nel metodo intergovernativo.

È chiaro che questo non significa fare la guerra a nessuno, ma negoziare in modo chiaro, chiedendo l’assenso e l’appoggio dei propri cittadini, proprio come fa la Germania, ma come non è avvenuto in Italia, e sulla base di piena reciprocità. Altrimenti diviene inarrestabile la frattura europea e non si unisce, ma si divide e si apre la strada al vero populismo reazionario.

Questo cresce in Europa grazie alla politica europea sbagliata e non a causa di predicatori improvvisati, il cui spazio è offerto solo da politiche che Lei sa essere errate. Ma lo deve spiegare apertamente e impegnarsi a combatterle senza subalternità.

Non è affatto vero, poi, che “le conclusioni del Consiglio europeo del 13-14 dicembre segnano l’avvio di un cammino per la costruzione di un’autentica Unione economica e monetaria basata su una più intensa integrazione fiscale, bancaria, economica e politico istituzionale” perché quelle conclusioni dicono esattamente il contrario.

O meglio, rinviano l’unione bancaria a dopo le elezioni di settembre 2013 in Germania e con esse viene accettato l’impianto tedesco per cui la vigilanza unica della BCE è limitata alle banche sistemiche, vale a dire istituti di credito con asset superiori a 30 miliardi di euro.

Assolutamente no sugli istituti regionali – le Landesbanken – o sulle casse di risparmio – le Sparkasse – dove in Germania si annida la più alta opacità e la più alta compromissorietà tra credito e potere politico locale.

Non solo: posticipando a marzo 2014 l’entrata in vigore della vigilanza unica, la Germania blocca, di fatto, l’attivazione del Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), che non può operare se prima non parte l’unione bancaria.

Di conseguenza, il MES, che ad oggi non può di fatto operare a causa del veto tedesco, investe i capitali che gli Stati membri hanno già versato in titoli del debito sovrano di paesi “sicuri”, vale a dire in titoli del debito pubblico dei paesi a tripla A. Il contrario di quello per cui è stato pensato.

E anche quando il Meccanismo sarà operativo, esso potrà ricapitalizzare le banche dei paesi che ne avranno bisogno solo con riferimento ai debiti contratti dalle banche prima dell’avvio del sistema di supervisione unico. Quelli, cioè, relativamente ai quali serviva l’intervento.

Allo stesso modo, il 13-14 dicembre scorso nulla è stato deciso sull’unione di bilancio e sull’unione economica, relativamente alle quali Francia e Germania si accusano a vicenda, accampando altre priorità. La Francia non cede sovranità di bilancio a Bruxelles se non dopo l’introduzione degli Eurobond. La Germania non cede sugli Eurobond se non previo trasferimento di sovranità di bilancio degli Stati membri a Bruxelles. Risultato: lo stallo.

Ed è proprio questa Europa tedesca che ha prodotto il populismo e il ritorno dei nazionalismi. Basti vedere come è stata trattata la Grecia, ma non solo.

Proseguendo nell’analisi, senatore Monti, perché l’Italia possa contare in Europa occorre che la democrazia nel nostro paese funzioni, che funzionino le istituzioni e che i governi possano decidere. Cioè che l’Italia non abbia più bisogno di governi tecnici.

Esattamente il contrario della Sua esperienza, che ha portato il nostro paese ad essere governata da un esecutivo eterodiretto, senza consenso democratico, espressione unicamente dei poteri forti. Nelle democrazie la credibilità non è personale: è delle istituzioni e del loro corretto funzionamento.

Si è forti in Europa se è forte la nostra democrazia e se funziona il nostro impianto istituzionale. Cioè se dopo le elezioni si formano governi forti, capaci di affrontare le crisi.

Sulla politica europea, senatore Monti, forse dimostra di essersi un po’ distratto negli ultimi mesi. Già con il governo Berlusconi, l’Italia aveva approvato il Six Pack e la riforma dell’art. 81 della Costituzione. Ed è questo che ha reso possibile, durante il Suo governo, l’approvazione da parte del Parlamento della relativa riforma costituzionale e del Fiscal Compact.

Forse Le è sfuggito, ma nelle ultime settimane è stata approvata dal Parlamento anche la Legge rafforzata che qualifica i vincoli derivanti dall’inserimento del pareggio di bilancio in Costituzione. Pertanto, l’Italia si pone già oggi come il paese più avanzato in Europa dal punto di vista del controllo dei bilanci.

Forse è il caso di smetterla con la retorica. Si ha testa alta e credibilità quando si tratta alla pari e non si è subalterni, tanto nel quadrante mediterraneo, quanto in quello atlantico e in quello asiatico. E nello scacchiere energetico.

Non pare che il passaggio del Suo governo abbia lasciato grandi segni su tutte queste aree e problematiche. Né a livello europeo, dove l’Italia si è ritrovata sola, da ultimo nelle negoziazioni relative al Bilancio dell’Unione. Unico contribuente netto (cioè paghiamo all’UE più di quanto riceviamo), che non sa con chi stare.

A parole (quasi da sindrome di Stoccolma) con Angela Merkel e i rigoristi, ma con tanta voglia del contrario. Né per quanto sta avvenendo in Nord Africa, né per quanto riguarda i rapporti con la federazione russa. Oltre ad essere rimasti isolati in India, o del tutto marginali a Washington.

Quanto alla “Strada per la crescita”, concordo con Lei, senatore Monti, che il punto centrale per affrontare il tema della crescita nel nostro paese sia quello di risolvere innanzitutto la questione del debito pubblico.

Qui però l’analisi contenuta nel Suo documento lascia molto a desiderare. Essa appare superficiale, disinformata. In molti punti sbagliata, fuorviante, ingannevole.

Intanto bisogna essere precisi. Il debito pubblico non supera genericamente, come Lei ha scritto, il 120% del PIL. È al 126,4%.

E ancora, questo debito non costa agli italiani 75 miliardi di euro l’anno, ma, come Lei dovrebbe sapere, avendo il Suo governo redatto, a settembre 2012, la Nota di aggiornamento al DEF, gli interessi passivi sul debito pubblico ammontano a 86 miliardi nel 2012, e sono previsti in aumento, sempre da Lei, nei prossimi anni, cioè pari a 89 miliardi nel 2013, a 97 miliardi nel 2014 e addirittura a 105 miliardi nel 2015, rispettivamente il 5,5%, 5,6%, 6% e 6,3% del PIL.

Evidentemente, senatore Monti, Lei è pessimista, contrariamente a tanti Suoi disinformati esaltatori.

La successiva analisi, poi, è imbarazzante. Non so chi Le abbia scritto questo paragrafo, ma è sicuramente un incompetente. I numeri non sono quelli esposti e la narrazione non è corretta. Lei dice che “ridurre di 100 punti base il tasso di interesse che paghiamo sul debito vale 20 miliardi di euro a regime. E da novembre 2011 il tasso di interesse è calato di oltre 250 punti”.

Non è il tasso di interesse, senatore Monti, ma lo spread. E 100 punti di tasso di interesse valgono 20 miliardi solo se si calcolano sullo stock, che è poco più di 2.000 miliardi, e non sulle aste annuali, che sono poco più di 400 miliardi.

Come Lei ben sa, lo spread riguarda il mercato secondario, vale a dire transazioni tra privati che non influiscono direttamente sulla finanza pubblica, mentre l’effettivo costo per lo Stato deriva dalle aste mensili attraverso le quali si rinnovano i titoli del debito sovrano.

In secondo luogo, Lei ci induce a calcolare il risparmio sull’intero stock del debito, e non, come si deve, sulle effettive emissioni, come abbiamo già detto, su base annua.

Ripetiamo: lo stock è pari a poco più di 2.000 miliardi, mentre le emissioni sono di poco superiori a 400 miliardi ogni anno. Lei ci induce maliziosamente, quindi, a calcolare un risparmio che è 5 volte quello effettivo. Matita blu, senatore Monti. Matita blu.

E ancora: quando Lei, o chi per Lei, scrive che “da novembre 2011 il tasso di interesse è calato di oltre 250 punti” fa un’affermazione falsa. È lo spread che è calato di 250 punti, non i tassi di interesse che lo Stato paga effettivamente ai suoi creditori asta dopo asta.

Perché, come Lei ben sa, quello che rileva ai fini delle finanze pubbliche non è lo spread, lo ripetiamo fino alla noia, che attiene al mercato secondario, ma sono i rendimenti dei titoli di Stato nelle aste mensili (mercato primario).

E nelle Sue 12 aste, quelle che si sono tenute quando Lei è stato presidente del Consiglio, i rendimenti sono stati pari al 7,56% a dicembre 2011; 6,98% a gennaio 2012; 6,08% a febbraio; 5,50% a marzo; 5,24% ad aprile; 5,84% a maggio; 6,03% a giugno; 6,19% a luglio; 5,96% ad agosto; 5,82% a settembre 2012; 4,92% a ottobre e 4,45% a novembre 2012.

Ponderando per le quantità assegnate, il rendimento medio relativo ai BTP decennali emessi nel 2012 (che è risultato pari a 5,70%) è superiore al rendimento medio dei BTP decennali assegnati nel 2011 (che è risultato pari a 5,25%) dello 0,45%. Con le relative conseguenze in termini di servizio del debito.

Quindi la diminuzione dello spread che si è realizzata, ha avuto effetti marginali solo sulle ultime aste, e ha inciso relativamente poco sul rendimento medio ponderato dei BTP emessi nel 2012.

Questo per essere pignoli, ma bastava che il Suo ignoto e incompetente collaboratore vedesse dalla (già citata) Nota di aggiornamento al DEF come il tanto sbandierato raffreddamento degli spread abbia influito poco o nulla rispetto al costo del servizio del debito.

Questo, infatti, è aumentato di oltre 8 miliardi non solo perché nell’arco di tutto l’anno, tranne gli ultimi mesi, i rendimenti dei nostri titoli di Stato sono rimasti molto alti, rispetto al primo semestre del 2011, ma anche perché è aumentato il debito pubblico. Doppio danno.

Senatore Monti, cambi immediatamente questo paragrafo. Evidentemente chi glielo ha scritto non è né un esperto, né un cultore della materia. E Lei probabilmente non lo ha neanche riletto, perché altrimenti non avrebbe consentito che uscisse una bestialità ingannevole di questo tipo. Ne va della Sua, e della nostra, credibilità.

Per quanto riguarda, poi, l’elenco puntato a) b) c) d), questa paginetta diligente è un po’ arretrata: poco aggiornata. Come ho già detto, il Parlamento è andato ben oltre il Fiscal Compact. Mentre Lei semplicemente riporta i vincoli fissati da quest’ultimo.

E non ha per nulla letto, con riferimento alla riduzione della pressione fiscale, quanto contenuto nella Legge di stabilità 2013, come modificata dal Parlamento. Tiri un po’ le orecchie a chi le ha scritto questi punti. Non Le fa fare una bella figura.

Quanto alla “Riduzione e riequilibrio dei carichi fiscali”: Le ricordo che le manovre dall’inizio della crisi avranno effetto cumulato di 325 miliardi, di cui solo 60, cioè il 20%, attribuibili al Suo governo. I dati sono della Banca d’Italia. Il Suo documento spaccia per proprio programma un percorso di impegni di risanamento finanziario e di attuazione di questi impegni che Lei ha ereditato, tutti, dal precedente governo.

È il governo Berlusconi che ha trattato con l’Europa il percorso ambizioso di azzeramento del deficit e questo percorso era completamente in linea con gli impegni.

È il governo Berlusconi che ha avviato la costituzionalizzazione del pareggio di bilancio.

È il governo Berlusconi che ha attuato i passaggi dolorosi necessari più tagliando la spesa pubblica che aumentando le tasse (come documentato non solo dalla Banca d’Italia, ma anche dai rapporti della Corte dei conti).

Il Suo governo non è arrivato per correggere una finanza allegra, perché la difficoltà del governo Berlusconi era stata quella di conciliare rigore finanziario con programmi di crescita, in una fase difficile della finanza pubblica. Di questo era accusato il governo Berlusconi, anche da Lei nei Suoi forbiti editoriali: di non varare provvedimenti di crescita; di tagliare troppo la spesa con provvedimenti lineari.

E poco importava se si varava una riforma dell’amministrazione pubblica e una riforma federalista imperniata sull’applicazione dei costi standard (una rivoluzione copernicana).

È sotto gli occhi di tutti la correzione portata dal governo tecnico. Spostamento del peso del risanamento dalla riduzione della spesa all’aumento delle tasse (i risibili risultati della Spending review sono ancora basati su tagli lineari), nessun programma di crescita attuato e neppure concepito in modo serio.

Risultato prevedibile: approfondimento della recessione. Inevitabile? Agli elettori il giudizio, ma non si può non partire dalle accuse mosse al precedente governo (scarso sostegno della crescita) e dalla capacità del governo tecnico di mostrare migliori performance su questo piano. Il resto è manipolazione dei fatti.

Quando Lei dice che per la prossima legislatura occorre un impegno a ridurre il prelievo fiscale, poi, Le ricordo, oltre al fatto che in un anno Lei è riuscito ad aumentare la pressione fiscale di 2,2 punti (da 42,5% a 44,7%), che questo impegno è già Legge, voluta proprio dal sottoscritto.

Perché la Legge di Stabilità appena licenziata dal Parlamento ha anticipato al 2013 l’operatività del Fondo che utilizza i proventi derivanti dalla lotta all’evasione fiscale per ridurre il carico fiscale gravante su cittadini e imprese. Probabilmente Lei non se n’è accorto.

Quanto al “Patto tra fisco e contribuenti”, anche questo esiste già. Ed è lo Statuto del Contribuente. Patto che, però, Lei ha calpestato, inserendo la retroattività di alcune disposizioni fiscali nella Legge di stabilità approvata dal Suo governo, che, per fortuna, il Parlamento ha cambiato.

Il governo Berlusconi stava affrontando, seppur con oggettivo ritardo dovuto alla crisi finanziaria globale, la riforma fondamentale: cioè la riforma fiscale. Una riforma difficile perché va al cuore del rapporto stato cittadini e discrimina tra approccio liberale e approccio statalista tra i quali scegliere.

Il ritardo del precedente governo è diventato un buco tragico: il governo tecnico non ha prodotto nulla, né idee né fatti. Ha solo trasformato l’IMU, imposta inserita nella riforma federalista, in una patrimoniale nel momento sbagliato e con un blocco sostanziale del processo federalista, rispetto al quale l’Italia è piombata in stato confusionale.

In aggiunta, l’incertezza e in alcuni momenti lo stato confusionale con cui è stata applicata questa tassa, oltre a mostrare una inadeguatezza tecnica degli addetti ai lavori, ha provocato un effetto recessivo ancora maggiore di quello inevitabile conseguente al prelievo effettuato.

Ma questo è stato un leit motif del governo tecnico, che stride con qualsiasi ipotesi di riduzione della pressione fiscale.

Dalla Sua Agenda, d’altra parte, vengono solo indicazioni vaghe sulla riforma fiscale, quali quella di una possibile patrimoniale che non causi fughe di capitali. Quale sarebbe questa tassa virtuosa? La risposta non è di poco conto, se non si vuole restare nel più vecchio e deteriore costume elettorale di solleticare alcuni elettori (la sinistra favorevole alla patrimoniale) senza scontentare altri (coloro che la tassa dovranno pagarla).

Quanto, infine, alla riforma del lavoro, occorre ricordare l’articolo 8 della Legge 138 di agosto 2011, ostacolato da Confindustria, con cui si dava valenza generale alla contrattazione di secondo livello, che già conteneva, quindi, gli obiettivi di cui Lei parla, e che rappresentava l’attuazione immediata dell’approccio Marchionne.

Perché ignorarlo, far finta di niente, inventare l’acqua calda e non dire esplicitamente che è la sinistra prossima alleata del centro la forza che ha bloccato questa riforma fondamentale già approvata dal centrodestra.

Come si fa a parlare di successo della riforma Fornero quando a pochi mesi dell’approvazione si discute di come emendarla? Non sa, senatore Monti, che la prima regola di buon funzionamento dei mercati è la certezza del diritto e il miglior modo per bloccarli è introdurre crescenti elementi di confusione e incertezza?

A leggere quanto da Lei (?) scritto sul mercato del lavoro nel Suo (?) documento si arriva solo a una conclusione: è necessario riscrivere la riforma del mercato del lavoro.

Vuole riprovarci ancora Lei, che non ne è stato capace quando ne aveva il potere pieno in Parlamento?

Nel resto del documento non c’è nulla di più di quanto si trovi nei più vaghi programmi elettorali del passato (li ha mai letti, senatore Monti?). Con qualche chicca.

Per esempio, senatore Monti, vuole rifare l’IRI? Forse se ne può parlare, ma non ci sembra un programma liberal. O è un segnale per vecchi e nuovi schieramenti il cui appoggio è sempre facilitato dalla creazione di poltrone (vedi la creatività in nuove autorithies)? E la detassazione selettiva dei redditi di lavoro femminile.

Ma chi Le ha scritto queste cose? Non bisognava andare a una riforma fiscale, semplificando il sistema e disboscandolo dalle mille esenzioni, benefici e particolarità in cui non è più chiaro chi sovvenziona chi?

Ci sono tante contraddizioni, senatore Monti, nel Suo documento.

Contraddizioni, però, comprensibili, se è vero, come è vero, che Lei si è molto ispirato ad altri pezzi già esistenti, tutti redatti dalla stessa persona, il senatore Ichino.

La Sua “agenda” appare piuttosto come un programma elettorale, con tutti i difetti di genericità dei programmi elettorali.

E con l’aggravante di non volersi caratterizzare troppo di fronte a chi dovrà votare per poter essere accolto da elettori di diverse opinioni politiche.

La desiderata “trasversalità” del programma è in realtà un elenco di obiettivi condivisibili, che al 95% sono già presenti nei programmi elettorali passati della maggior parte delle forze politiche, e certamente lo sono, Suo malgrado, nei programmi del centrodestra.

La caratterizzazione di questi obiettivi come “agenda” sarebbe comprensibile solo in presenza di 2 condizioni.

La prima è che vengano specificate le riforme da attuare, che significa chiarire come fare le cose e quindi quali interessi colpire e quali preservare. E di conseguenza le alleanze politiche necessarie alle varie soluzioni.

La seconda è che Lei, senatore Monti, e i Suoi eventuali sostenitori possiate vantare un record di risultati attuativi superiori a quelli dei governi precedenti, e nella direzione corretta. Tali da permettere a Lei, che si è appena dimesso da premier, di dire che se è vero che non sta dicendo nulla di nuovo, quanto meno è in grado di fare di più.

Naturalmente tenendo conto che il Suo governo ha goduto di una maggioranza parlamentare bulgara, in parte “coatta” per le circostanze e quindi non condizionata dagli interessi elettorali di parte, sacrificati da entrambi gli schieramenti.

Per cui non è chiaro come l’incapacità attuativa mostrata in circostanze tanto speciali e non ripetibili sia superabili da un bis del Suo governo, la cui maggioranza sarebbe molto più condizionata da alleanze ibride.

Entrambe le condizioni descritte, nel Suo caso, non sono soddisfatte, anche perché la seconda implicherebbe un giudizio degli elettori sulla Sua capacità di guida, che Lei, accuratamente, vuole evitare.

Queste osservazioni generali sono rafforzate dall’esame del documento e dalla estrema parsimonia, reticenza e in alcuni casi malafede manipolatoria con cui si parla dei risultati del governo tecnico ignorando, nel bene e nel male, l’azione del governo precedente, da Lei in gran parte ereditata e spacciata come propria.

L’onestà intellettuale, senatore Monti, è la prima regola per chi si vuole proclamare guida morale del paese. Con tutto il rispetto che si merita.

Suo, Renato Brunetta

About Redazione

One Comment

  1. Pier Luigi Caffese

    27 Dicembre 2012 at 21:41

    Lo sviluppo si misura sull’energia ma nel piano o agenda Monti c’è un generico riferimento alla SEN che condanna l’Italia al non sviluppo.720.000 giovani occupabili aspettano che un Governo decida e non perda 4 anni come con il biofuel da rinnovabili che esce con Audi e-fuel oggi,quando lo proposi a Scajola e Fiat 4 anni fa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.