Referendum Alitalia, vince il No con il 67%.

By on 25 Aprile 2017

“Il no ha stravinto”, esultano a tarda sera i lavoratori che per tutto il pomeriggio hanno sostato davanti il Training academy di Alitalia in attesa del risultato referendario. Alta è stata l’affluenza che si è registrata: l’87% degli aventi diritti, circa 10mila lavoratori su 12mila.

Il preaccordo raggiunto il 14 aprile tra l’ex compagnia di bandiera e i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil è stato bocciato con il 67% dei voti contrari. Dal governo trapela rammarico e sconcerto mentre si pensa già a chi potrà essere il commissario liquidatore: “A questo punto l’obiettivo, in attesa di capire cosa decideranno gli attuali soci di Alitalia, sarà – si legge in una nota dell’esecutivo – quello di ridurre al minimo i costi per i cittadini italiani e per i viaggiatori”.

La protesta contro i tagli e gli esuberi si è quindi riversa nelle urne: determinante è stato il personale navigante, cioè piloti, hostess e stuart. È da loro che è arrivata la valanga dei “no”.

L’intesa prevedeva sì un ulteriore impegno finanziario da parte dei soci (quasi 2 miliardi di euro) ma chiedeva anche sacrifici ai lavoratori: 980 esuberi a tempo indeterminato tra il personale di terra, mentre quello navigante avrebbe visto la riduzione della retribuzione dell’8% e i riposi annuali da 120 a 108.

L’unica soluzione, secondo il governo, gli azionisti e anche secondo i sindacati che sull’accordo ci hanno messo la firma e la faccia, è il commissariamento e la successiva liquidazione nel giro di sei mesi.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com