Province. Torluccio (UIL FPL) : “Confusione della Circolare Madia/Lanzetta. Posti di lavoro a rischio”

By on 18 Marzo 2015

La circolare 1/2015 del 30 Gennaio diramata dai Ministri per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Madia e per gli Affari Regionali e le Autonomie Lanzetta, sta creando ulteriori contraddizioni e confusione in merito al personale della polizia provinciale.

Lo dichiara in una nota il Segretario Generale della Uil Fpl Giovanni Torluccio.

In questa circolare, si parla di personale sovrannumerario che svolge, secondo loro, funzioni non fondamentali e lo si esclude dagli elenchi della mobilità prevedendo per loro un percorso descritto in modo generico ed ambiguo che si presta a varie interpretazioni riconducibili anche a possibili smantellamenti della stessa polizia provinciale.

Una circolare – prosegue Torluccio – che non chiarisce quindi alcuni aspetti della legge 56/2014 (Delrio) e della legge di stabilità 2015. Questo è dimostrato da vari atti adottati da molte aree metropolitane ed Enti di Area Vasta che, attenendosi alla circolare, nelle delibere dei piani di rideterminazione della dotazione organica non prendono in considerazione la polizia provinciale con i rischi futuri, in questo stato di confusione, della mancata erogazione degli stipendi.

Ricordiamo inoltre che saranno oltre 20.000 i lavoratori delle Province potenzialmente interessati da mobilità e collocamento in disponibilità, qualora gli esuberi non venissero assorbiti in altri Enti della Pa.
Un processo così delicato non può essere accompagnato da una regia confusa come quella che ha caratterizzato il Governo sino ad ora.
Cosi come ribadito anche nell’assemblea nazionale dei quadri e dirigenti delle Province e delle città metropolitane – conclude Torluccio – chiediamo a gran voce che si proceda al loro riassetto con tempi e modalità certe, garantendo tutti i livelli occupazionali.

Il Segretario Generale della Uil Fpl Giovanni Torluccio

Il Segretario Generale della Uil Fpl Giovanni Torluccio

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.