Professione Nonni di Laura Cugini

By on 6 Novembre 2014
Buon tutto cari deliziosi lettori, con l’inizio della stagione invernale……o forse dovrei scrivere autunnale…..o forse primaverile…..comunque sia, dobbiamo togliere dall’armadio i vestiti estivi che sicuramente, per qualsiasi stagione decida il nostro bizzarro tempo, sarebbero esageratamente leggeri e allora questa mattina io ho eseguito l’arduo compito.

Certamente non l’ho fatto in presenza delle mie nipotine, me ne sarei guardata bene, immaginate un cambio stagione con i bimbi che vi girano intorno…..credo che ci sarebbe voluto anche il pomeriggio, invece ho completato l’opera e posso sedermi per scrivervi.
Come avrete capito, oggi non ho con me le nipotine e quindi sono andata spedita ed ho terminato il mio lavoro con soddisfazione, ma non posso scrivere lo stesso di ieri perché anche se stavo da sola, ho passato due ore da….raccontare, tutto era iniziato perché dovevo andare alle poste a fare un bollettino, avrei così approfittato del fatto che il mio telefonino non funzionava molto bene e l’avrei fatto vedere al tecnico che ha il locale vicino alle poste.
Dunque mi sono fatta una bella passeggiata e sono arrivata a destinazione, mentre aspettavo il mio turno per pagare il bollettino, sono andata dal tecnico per accordarmi sui tempi di riparazione dello stesso e, una volta rientrata alle poste ho ricevuto anche una telefonata ma da quel momento non c’è stata più nessuna traccia del mio telefonino……..
Avendo incontrato i miei genitori dentro le poste, mi ero fatta dare un passaggio in macchina per tornare a casa, dove tengo la garanzia del telefonino e una volta entrata nella mia abitazione, ho preso ciò che mi serviva e sono tornata con la macchina dal tecnico, figuratevi la sorpresa quando ho messo la mano in tasca senza trovare il piccolo dispositivo…….accidenti…….quando ero passata per casa, avevo cambiato la giacca,,,,,
Senza scompormi sono risalita in macchina e sono tornata indietro, ho parcheggiato la mia macchina in garage e sono salita a prendere quel benedetto telefonino……che non era più nella tasca dove credevo fosse e quindi ho pensato che fosse caduto sotto il sedile della mia macchina e allora sono scesa di nuovo ma……..avevo dimenticato le chiavi della macchina a casa!
A quel punto mi stavo innervosendo non poco, quindi sono rientrata in casa ed ho provato a far squillare il telefonino usando quello fisso, ma non dava segni di vita, allora sono tornata alle poste per chiedere se mai il piccolo apparecchio mi fosse scivolato dietro al bancone quando ho risposto alla telefonata, abbiamo dato uno sguardo insieme alla signorina che mi aveva servita e non avendo trovato nulla, sono ritornata di nuovo a casa, parcheggiando la macchina all’interno del mio box, perché ormai era arrivata l’ora del pranzo, pertanto mentre cucinavo, ho telefonato alla mia compagnia telefonica per bloccare la scheda.
Fatto questo e messo il pranzo a tavola, mi sono ricordata di aver lasciato il pane che avevo comprato, sul sedile della macchina, così sono scesa nuovamente nel box e dopo aver richiuso lo sportello, ho sentito qualcosa sotto i piedi: era il mio telefonino che avevo calpestato anche con la macchina!
Risultato: sono rimasta ventiquattro ore senza linea e inoltre senza internet, perché mentre ero alla ricerca del telefonino, avevo urtato inavvertitamente il modem facendo fuoriuscire lo spinotto della corrente…………una bella mattina cari lettori, non trovate?
Credo che se avessi avuto con me le mie adorabili nipotine, mi sarei riposata di più, inoltre ho appena appurato che il telefonino ha ripreso magicamente a funzionare anche meglio di prima, ma questa è la vita, vi lascio al vostro lavoro sperando di avervi fatto sorridere per qualche minuto, dal momento che sorridere fa sempre e comunque bene.
Un abbraccio virtuale
nonna ciona

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.