Per i saldi partenza confortante

By on 13 Gennaio 2014

Barlumi di speranza per il commercio: a sorpresa l’andamento dei saldi invernali indica un primo, inaspettato segno positivo: +3% delle vendite rispetto allo spesso periodo del 2013.

A rivelarlo è Federazione Moda Italia-Confcommercio, sulla base di un monitoraggio tra gli associati. ”Non mi pare vero di commentare finalmente una buona notizia – ha detto il presidente Renato Borghi – da qualche anno, il dettaglio moda, tra i settori più penalizzati, non vedeva il segno più davanti, neppure con i saldi”.

Cresce anche lo scontrino medio passando da 102 euro rilevato l’anno scorso a 113 euro di quest’anno.

Il monitoraggio si basa su un numero significativo di aziende del settore abbigliamento, intimo, calzature, pelletterie, accessori, articoli tessili per la casa e articoli sportivi distribuite in tutta Italia. L’indagine tiene conto dei migliori risultati dei Comuni turistici, centri urbani e delle vie commerciali cosi’ come delle meno confortanti performance dei comuni più piccoli e delle periferie. Dati che indicano appunto un incremento dei volumi di vendita di quasi il 3% (dato medio 2,71%) rispetto allo stesso periodo del 2013. Sul piano delle tendenze comportamentali, si registra ”un ritorno degli acquisti nei negozi tradizionali e di una scelta sempre piu’ orientata al prodotto di qualita’ a un prezzo più accessibile”.

Il 48,6% delle aziende riscontra un incremento degli incassi a fronte di un 32,3% che ha avuto un peggioramento rispetto allo stesso periodo del 2013. Il 19,1% ha poi riscontrato una stabilità di vendite. Il 67,7% ha registrato, quindi, nel primo weekend lungo di saldi un incremento o stabilità. Anche se ”è troppo presto per tirare le somme – prosegue il presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio – l’esito positivo dei numerosi questionari che stiamo raccogliendo in questi primi giorni di vendite, ci fa sperare in una tanto auspicata inversione di tendenza. Inversione che trova, tra l’altro conferma nell’incremento ad inizio gennaio di 7 punti percentuali del sentiment, cioè della fiducia degli italiani, rispetto a quanto rilevato a dicembre 2013”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.