Pavia, Maestra: “La bambina era in pericolo”

By on 28 Ottobre 2019

“Ho agito secondo coscienza. La bambina era in pericolo e si doveva intervenire. Dobbiamo sempre aspettare le tragedie?”. Ha commentato così la sua decisione di rivolgersi alle forze dell’ordine la maestra di una scuola elementare della provincia di Pavia. La scelta però non è piaciuta alla dirigente dell’istituto, che l’ha sospesa per un giorno, facendole perdere anche lo stipendio.

Tutto è cominciato quando la docente ha notato che sua alunna aveva dei lividi sulle gambe, oltre a manifestare comportamenti sospetti come frequenti pianti in classe. La maestra prima ha riferito tutto alla preside ma non essendo stato adottato nessun provvedimento ha deciso di rivolgersi direttamente alle forze dell’ordine che hanno subito segnalato la vicenda al Tribunale per i minorenni di Milano. A quel punto, il colpo di scena:  la dirigente ha sospeso per un giorno (non retribuito) la maestra, per aver violato il segreto d’ufficio e aver arrecato un danno d’immagine alla scuola.  All”insegnante non è restato che rivolgersi al Tribunale di Pavia. Il giudice, dopo aver esaminato il caso, ha invitato la nuova dirigente scolastica (che ha preso il posto di quella che aveva adottato il provvedimento) a revocare la sospensione e a restituire alla docente i 75 euro di mancata retribuzione: l’udienza è stata aggiornata a dicembre. Nel frattempo, in seguito alla segnalazione fatta dalla maestra al Tribunale per i minorenni, la bambina è stata affidata alla nonna in attesa che venga fatta luce sulle presunte violenze subite in famiglia.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.