Paura del M5S in Emilia Romagna.

By on 9 Novembre 2019

Non presentarsi in Emilia Romagna. Per non rischiare un’altra Caporetto elettorale. Ma soprattutto per spianare la strada al Pd ed evitare uno schiaffone che potrebbe costare la vita al Governo. È un dossier che nelle ultime ore è arrivato sul tavolo di Luigi Di Maio, e su cui si è aperto un ragionamento serio. Un cambio radicale di rotta. Perché appena a inizio settimana la linea era radicalmente diversa: “Dobbiamo ricominciare a correre per portare cittadini nelle istituzioni, come era un tempo”, spiegava il capo politico ai suoi collaboratori. E sulla storica regione rossa un uomo a lui molto vicino faceva il seguente ragionamento: “Se noi ci candidiamo da soli togliamo voti alla destra, perché il nostro bacino elettorale comunque non erode consensi a sinistra. Quindi facciamo comunque un favore al Pd, togliendo voti alla Lega”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.