Parla e mente il terrorista Salah.

By on 26 Marzo 2016

Il “responsabile degli attentati” del 13 novembre a Parigi è Abdelhamid Abaaoud, morto nell’assalto al covo di S.Denis. Lo ha detto Salah Abdeslam secondo i verbali dell’interrogatorio dello scorso 19 marzo a Bruxelles, rivelati dal quotidiano Le Monde.

Che Abaaoud sia il responsabile degli attentati che hanno causato 130 morti a Parigi “lo so da mio fratello Brahim”, il kamikaze che si è fatto esplodere al Comptoir Voltaire, ha continuato Salah Abdeslam, nei verbali rivelati oggi da Le Monde. Sempre secondo il giornale, l’ex fuggitivo ha poi spudoratamente mentito agli inquirenti dicendo di aver conosciuto Abaaoud solo alla vigilia della strage quando è ampiamente dimostrato che fossero amici d’infanzia a Molenbeek.

Salah ha raccontato agli inquirenti belgi – secondo i verbali dell’interrogatorio diffusi da Le Monde – il momento della sua rinuncia a farsi esplodere con gli altri membri dei commando il 13 novembre a Parigi. “Ho fatto scendere i miei tre passeggeri, poi sono ripartito – ha detto – ho guidato alla cieca, mi sono fermato da qualche parte, non saprei dove. Ho chiuso l’auto, ho portato via la chiave e sono rientrato nella stazione Montrouge. Ho fatto qualche fermata di metro, una o due. Sono sceso, ho camminato fino a un negozio di telefoni, ne ho comprato uno e ho contattato una sola persona: Mohamed Amri”. E’ lui l’amico che, insieme con Hamza Attou, partirà immediatamente da Bruxelles per andarlo a recuperare a Parigi.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.