Paradisi fiscali, Anguilla e Barbados nella lista nera Ue

By on 7 Ottobre 2020

Due entrano e due escono, scontentando le Ong. Anguilla e Barbados sono state inserite nella lista delle giurisdizioni non cooperative in materia fiscale dell’Unione europea (black list), mentre le Isole Cayman e l’Oman ne sono state rimosse dopo aver approvato delle riforme per migliorare il loro quadro fiscale.

La decisione dell’Ecofin ha provocato la reazione di Oxfam: “Bene l’aggiunta di Barbados, ma la rimozione delle Isole Cayman Islands, uno dei più noti paradisi fiscali al mondo, dalla lista Ue dei paradisi è un’ulteriore prova che il processo non funziona”, le parole a caldo di Chiara Putaturo, consulente di Oxfam sulle questioni fiscali. “I paradisi tolgono ai Paesi poveri e ricchi centinaia di miliardi in gettito perduto ogni anno, denaro che serve più che mai durante la pandemia. Ma invece di renderli responsabili, la Ue consente che i Paesi più aggressivi vengano rimossi dalla lista”, spiega. “Se la lista deve avere credibilità, la Ue deve includere tutti i Paesi che operano come paradisi, inclusi quelli con aliquota zero per le imprese e quelli dove gli investimenti privati superano il livello dell’attività economica reale”, aggiunge Putaturo.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com