Palombella (UIL): “Non serve una Cgil spaccata”.

By on 21 Gennaio 2019

Al paese “non serve una Cgil spaccata” e Landini “ha archiviato da tempo una stagione oltranzista” dimostrando sia con l’ultimo rinnovo del contratto dei metalmeccanici che con l’accordo sull’Ilva “di poter essere un uomo della mediazione”. E’ il leader Uilm, Rocco Palombella, che con l’ex segretario generale Fiom, oggi candidato al vertice del più grande sindacato italiano, ha spartito anni di contrapposizioni, accuse, e conflitti, da Fiat a Fca, a riflettere sul prossimo congresso Cgil, conversando con l’Adnkronos.

“Sono rispettoso del travaglio e della difficoltà che sta subendo il più grande sindacato italiano e mi auguro che queste ora ci sia la possibilità di una ricomposizione interna che eviti una rottura perché a noi serve coesione. Serve al Paese e ai lavoratori soprattutto alla luce di quello che raccontano i dati sull’occupazione, l’economia e le aziende in crisi”, dice ricordando come anche negli anni più bui, di maggiore scontro con la Fiom “si sia però sempre lavorato per non rompere del tutto e ritrovare la possibilità di una alleanza sul merito” come poi si è arrivati a fare con le vertenze Ilva e Whirlpool. Ed è alla luce di queste ultime esperienze, dice ancora Palombella, che “credo che Landini abbia archiviato la stagione oltranzista” dei tempi della Fca”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.