Palermo ricorda Carlo Alberto Dalla Chiesa

By on 3 Settembre 2013

DallaChiesaIQ. 03/09/2013 – Nel trentunesimo anniversario della strage mafiosa in cui furono uccisi il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente della Polizia di Stato Domenico Russo il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha deposto stamattina una corona di fiori in via Carini a Palermo, dove una targa ricorda l’eccidio. Subito dopo, il ministro si è recato alla chiesa di S. Giacomo dei Militari, all’interno della caserma intitolata al prefetto Dalla Chiesa, sede del comando legione Carabinieri Sicilia, per la celebrazione della messa di commemorazione.

Nell’occasione il titolare del Viminale ha sottolineato che, «la mafia verrà sconfitta se noi saremo capaci di portare avanti una strategia che ha grandissimi risultati negli ultimi anni, cioé un’aggressione forte ai loro patrimoni. I patrimoni mafiosi sono il ‘core business’ della mafia, i loro affari tendono ad accumulare illecitamente patrimoni.La confisca e il sequestro dei patrimoni sono la strada da seguire. Abbiamo approvato negli anni passati delle leggi importantissime che hanno consentito sequestri e confische dei patrimoni mafiosi per miliardi di euro». Per questo, ha continuato, credo che si debba «ancora di più rafforzare e ammodernare lo strumento che regola e gestisce questi fondi, cioè l’Agenzia per i beni confiscati. La cattura dei latitanti – ha concluso il ministro – dovra’ essere l’altro pilastro su cui organizzare la definitiva sconfitta della mafia».

«Dalla Chiesa si identificò pienamente con la battaglia in difesa dello Stato democratico e delle sue istituzioni, ha ricordato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel messaggio inviato al prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, assurgendone a simbolo per la ferrea determinazione e la coerenza nell’adottare innovative strategie e nel condurre quindi una più incisiva ed efficace azione contro le organizzazioni terroristiche e mafiose».

«Il ricordo dell’eroico sacrificio del prefetto Dalla Chiesa, servitore dello Stato di grande rigore civile e morale, rappresenta tuttora – ha continuato il Capo dello Stato – fecondo stimolo per la diffusione, specie tra i giovani, della cultura della legalità e del rispetto delle regole e per un rinnovato comune impegno nel consolidamento dei valori fondanti della nostra Repubblica: democrazia, giustizia e libertà».

Hanno partecipato alla cerimonia il prefetto Francesca Cannizzo, il questore Nicola Zito, il sindaco Leoluca Orlando, il procuratore capo di Palermo Francesco Messineo ed i rappresentanti delle forze dell’ordine.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.