OMICIDIO MAGLIANA, CIVICA (UIL): VERA EMERGENZA. CULTURA DIRITTI SIA PRIORITARIA

By on 30 maggio 2016

“Finché accadranno atrocità barbare come quelle di ieri, finché una ragazza non potrà rientrare a casa da sola la sera in tutta tranquillità, finché dei femminicidi si parlerà soltanto nei necrologi accorati del giorno dopo, non potremo dire di vivere in una società civile”.

Così il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica, in merito al delitto della giovane studentessa romana, bruciata viva nella notte tra sabato e domenica.

“Sara è l’ennesima vittima di un mondo malato – continua Civica – della sopraffazione bieca di un uomo nei confronti di una donna che diventa possesso, oggetto e non più persona. Ma cosa si sta ancora attendendo per affrontare seriamente quest’emergenza? Perché la convenzione di Istanbul pur essendo stata ratificata dall’Italia non viene applicata? Siamo tutti complici di questi crimini e di questi orrori finché non si riuscirà a abbattere ogni forma di cultura razzista e/o sessista, finché non ci sarà adeguata preparazione tra operatori sociali e forze dell’ordine, finché si useranno parole come “raptus” o “delitto passionale” per “coprire” un omicidio. E soprattutto finché la cultura dei diritti non sarà prioritaria per ogni governo e amministrazione”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.