Nigeria. Il massacro degli studenti

By on 30 Settembre 2013

boko HaramIQ. 30/09/2013 – Li hanno sorpresi nella notte, mentre dormivano: i miliziani integralisti islamici dei Boko Haram hanno compiuto alle prime luci dell’alba una delle stragi più efferate degli ultimi anni, assaltando un campus universitario nel nordest. Almeno 42 i morti nel bilancio ufficiale, mentre la conta delle vittime prosegue e i cadaveri vengono portati in ospedale. Decine i feriti.

Teatro della strage è lo Stato di Yobe, nel nordest, uno dei tre dove è stato imposto a maggio lo stato di emergenza nell’ambito di una massiccia campagna anti-terrorismo. Gli oltre 1.000 studenti ospitati nella struttura, il campus di agricoltura nella città di Gujba, si sono dati a una fuga disperata mentre i miliziani incendiavano le aule del college, e uccidevano chiunque gli si facesse incontro.

I responsabili della facoltà accusano le autorità: “Ci avevano promesso che avrebbero garantito la sicurezza dei nostri studenti, così non è stato”, afferma un docente chiedendo l’anonimato. I responsabili avevano chiesto un rafforzamento della sicurezza.

L’allerta nello Stato di Yobe è infatti ai massimi livelli. Lo scorso luglio, nel villaggio di Mamud i miliziani avevano attaccato il dormitorio di una scuola: 42 i morti, la gran parte studenti. Poche settimane prima, nello Stato confinante di Kano, un assalto a una scuola è costato la vita a 13 scolari e alcuni professori.

Boko Haram (“l’educazione occidentale è peccato”) ha posto da tempo le scuole, le università e i campus in cima alla lista dei propri obiettivi. Secondo fonti militari i recenti assalti sono un “segno di disperazione” del gruppo che da maggio patisce l’offensiva militare.

In questo quadro, sottolineano ancora i militari nigeriani, vanno letti gli assalti sanguinosi contro villaggi sperduti, a Yobe come nello Stato di di Kaduna, dove ieri i miliziani hanno assaltato e bruciato le case nel villaggio di Zangang, causando

almeno 11 i morti. Due giorni fa altre 21 persone sono state uccise, in molti casi a colpi di coltello, nel distretto di Kunumburi, nello Stato di Borno, tra gli uccisi anche un capo villaggio. Solo in questo Stato il bilancio, nell’ultimo mese, è di oltre 140 morti.

E sono diverse migliaia le vittime dall’inizio dell’insurrezione guidata da Boko Haram, che punta alla creazione di uno Stato islamico indipendente nel nord del Paese. Tanto che contro la soluzione militare, voluta dal presidente Johnatan Goodluck, si schiera l’ex capo di Stato Maggiore, l’influente generale Martin Luther Agwai: “Non si può risolvere il problema con la forza militare, non siamo in guerra, non stiamo combattendo un invasore. Il problema è politico, sociale, economico, serve questo approccio per risolverlo”.

(Fonte Rainews24)

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.