Niente più carcere duro per Massimo Carminati

By on 27 Ottobre 2019

Niente più carcere duro per Massimo Carminati. Col parere positivo della Dda di Roma e della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo è stato revocato il 41 bis all’ex estremista nero, uno degli imputati principali del processo Mondo di mezzo. Lo si apprende in ambienti del ministero della Giustizia. La decisione è una conseguenza della pronuncia della Corte di Cassazione che ha fatto cadere per Carminati e altri imputati del processo l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso.

L’istanza per la revoca del 41 bis era stata presentata dai difensori di Carminati formalmente al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Spetta infatti al Guardasigilli infatti firmare il provvedimento per il cosiddetto carcere duro così come revocarlo. L’ex Nar, che al momento è detenuto nel carcere di Sassari, ai suoi legali è apparso “contento”. Positiva è pure la reazione dell’altro imputato principale del processo, Salvatore Buzzi, che come anticipato dal fattoquotidiano.it adesso punta alla scarcerazione. “Hanno tolto il 41 bis a Carminati? La decisione, alla luce della sentenza della Cassazione, era scontata, non mi sorprende. Piuttosto adesso il mio assistito, Salvatore Buzzi, va fatto uscire di galera, gli va immediatamente revocata la misura cautelare in carcere”, dice Alessandro Diddi, difensore dell’ex ras delle cooperative. Il legale, come annunciato al fatto.it, è pronto a presentare un’istanza di scarcerazione per il suo assistito, che ha già scontato quasi cinque anni di carcere: è in custodia cautelare dal 2 dicembre 2014. “Ma non ci sono automatismi – aveva spiegato – perché questo non è un processo normale, dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza. Hanno giocato con una norma, il 416 bis, e con la vita delle persone. Sono soddisfatto perché sostenni la tesi sigillata ieri dalla Cassazione già davanti ai giudici del Tribunale del Riesame”,

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.