‘I miracoli nun li fa nessuno’ del Dott. Brozzi.

By on 14 Gennaio 2014

Buon pomeriggio e buon inizio di settimana Gente mia che pensate!

Ieri sera ho provato una grande gioia nel vedere l’amico Di Francesco esplodere al termine di una gara che verrà consegnata alla storia.

Davide che sconfigge ancora una volta Golia!

Un giovane ventenne, pensate amici miei che depone per ben 4 volte la palla in fondo alla rete milanista, segna la nascita di un nuovo astro, ma di quelli freschi, educati, giovani, speriamo solo di non rovinarlo.

Sale dal profondo sud al nord in visita parenti, viene portato a giocare una partita di calcetto con i propri cugini, provino ad un club di serie A … e ieri sera …

Beh che dire! Per tutti quelli che non credono più al prodigio dei sogni, o ancor peggio, per coloro che hanno smesso di sognare per paura, eccovi serviti … i sogni son desideri e, specie se vissuti con tutto sé stesso, a volte si tingono di una realtà da sogno!!!

Sono queste le situazioni in cui riesco ancora a sperare che le persone inizino a non aspettarsi più “miracoli” da nessuno, che inizino a non credere più a falsi oratori che ripetono solo vecchi slogan neofascisti, credendo di essere ognuno, non una parte, ma l’intera società civile.

Quello che ora chiamano “larghe intese” nel ’70 era “il compromesso” e fù l’unica stagione di grandi riforme che cambiò l’Italia.

Io dico, basta giocare al “Monopoli” cercando di restare uniti tra noi senza dimenticare che una cosa ci accomuna: l’Amore.

Io non vedo l’eccesso di “partiti intesi come giocatori” ma l’assenza di quelli capaci a leggere il passato per interpretare il presente.

Allora gente mia ho scritto una cosetta per voi, miei doni celesti.

I miracoli nun li fa nessuno.

L’omo va in cerca de miracoli!

Vole vede p’aritornà a crede,

ma essenno ceco, artro insegue

de sta vita, solo farsi oracoli.

Ner monno ceco viva i monocoli!

Benchè la pretesa de chi nun vede

fa sì che “l’annamo” se fa “agniede”,

vivenno giocanno cor “Monopoli”.

‘na cosa te vojo dì, ma c’aspetti

a ripjà l’insegnamento ar credo,

tornanno a fa l’amore no dispetti!

Da molto tempo stringo ogni prece

e quella luce me fa dì: “io vedo….”

v’aspetto a li piedi de sta Croce!

Affettuosamente Mario Brozzi

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.