LETTERA APERTA A UNA DONNA DERUBATA DEI SOGNI

By on 8 Marzo 2014

L’Angolo della Psicologa con la Dott.ssa Marisa Nicolini (*)

LETTERA APERTA A UNA DONNA DERUBATA DEI SOGNI

Adele, ciao, è proprio a te che voglio parlare!

A te, figlia trascurata,

ragazzina abusata,

donna nascosta,

anima segregata.

Sì, segregata, perché quella sera, appena tredicenne, sei stata sbattuta su un tavolo e lì il branco si è preso, come dici sempre tu, i tuoi sogni! E lì ancora sei, segregata in un’idea che spesso hai paura di affrontare, in un pensiero che oscilla e ti tiene appesa a quel giorno, in un corpo più grande di te.

Adele, insieme al gruppo dei tuoi Angeli stiamo cercando di ridarti fiducia nelle persone, MA TU HAI PAURA!

Stiamo cercando di accompagnarti verso un futuro più sicuro per te, MA TU TI SENTI AFFONDARE!

Stiamo cercando, anche, di dirti che tu ci sei, TUTTA, sia quella che il branco ha stuprato per anni lasciandoti anche con i sensi di colpa, sia quella che le Istituzioni rispettano e proteggono: MA TU PROVOCHI E OPPONI RESISTENZA!

La resistenza che non hai potuto opporre quella sera, quando quel ragazzo dal viso buono ti ha accompagnato nel casolare dagli orchi. Non potevi immaginare a cosa stessi andando incontro, con i tuoi 13 anni, il maglioncino verde e la bicicletta.

E non potevi sapere che l’incubo sarebbe durato tre anni, sfruttando quei meccanismi profondi che gettano la donna in condizione di terrore, distacco autistico, sottomissione (per non subire di peggio) che ancora fa dire a qualcuno “Quella ci stava, altrimenti si poteva ribellare, no?”.

Adele, sono passati 15 anni da allora e quest’anno hai deciso di immergerti nel tuo dolore senza più protezioni. Vuoi ritornare là dove ti sono stati strappati vestiti e sogni.

Noi tutti siamo con te, e con tutte le ragazzine e le donne che hanno dovuto rinunciare alla propria infanzia, alla propria adolescenza, a volte fino all’età adulta, per soddisfare la sete di possesso e di potere di maschi non ancora divenuti uomini.

Eppure gli Uomini esistono!

Figli di madri e di padri che hanno insegnato loro il controllo (di se stessi) e il rispetto (di tutti),

Studenti di professoresse e professori che hanno insegnato loro a sentire e capire, usando testa e cuore,

Cittadini di uno Stato che non rinuncia ad essere educativo e supportivo.

Adele, a te, in particolare, buon 8 marzo, buon compleanno, buon viaggio: vai a riprenderti i tuoi sogni!

NOI CI SIAMO!

8 marzo marisa

Dott.ssa Marisa Nicolini

 

La Dott.ssa Marisa Nicolini è psicologa e psicoterapeuta, abilitata all’insegnamento della Psicologia Sociale e Consulente Tecnico d’Ufficio del Tribunale di Viterbo.

Collabora, tra l’altro, con la Casa di Cura “Villa Rosa” di Viterbo e con la “Clinica Parioli” di Roma e riceve presso lo Studio di Psicologia Clinica e Giuridica in Via A. Polidori, 5 – Viterbo, cell. 3288727581, e-mail m_nicolini@virgilio.it

Collabora con le Associazioni AIAF (Avvocati di Famiglia e Minori) e Donne per la Sicurezza onlus.

Potete conoscere meglio le sue attività ai seguenti link:

www.marisanicolinipsicologaviterbo.freshcreator.com

http://psicologanicolini.oneminutesite.it

Inoltre potete seguire le sue attività consultando la pagina Facebook http://www.facebook.com/pages/Studio-di-Psicologia-Clinica-e-Giuridica-Drssa-Marisa-Nicolini/177076385739068?ref=ts&fref=ts

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.