La Whirlpool ha deciso di avviare la procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori

By on 15 Luglio 2021

La Whirlpool ha deciso di avviare la procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori dello stabilimento di via Argine a Napoli. L’annuncio, secondo quanto riferiscono fonti sindacali, è stato fatto dai vertici della multinazionale nel corso dell’incontro on line convocato dal Mise e al quale stanno partecipando azienda e sindacati. E la protesta incrocia la visita in Campania del presidente del Consiglio Mario Draghi. Lavoratori da Draghi a S.Maria Capua Vetere Scortati da decine di uomini della polizia in assetto antisommossa, i lavoratori del sito Whirlpool di Napoli si sono radunati all’esterno del carcere di Santa Maria Capua Vetere, Caserta, dove sono in visita il premier Mario Draghi e il ministro della Giustizia Marta Cartabia. Sono centina gli operai in presidio, con ‘animo pacifico’, sottolineano.I lavoratori sono intenzionati a chiedere un incontro al premier Draghi per la tutela del loro posto di lavoro, a rischio ormai da oltre due anni per la decisione dell’azienda di chiudere lo stabilimento napoletano. La posizione dell’azienda L’amministratore delegato di Whirlpool Italia, Luigi La Morgia, nel confermare i licenziamenti, ha affermato: “Siamo consapevoli della nostra scelta, siamo il più grande investitore e produttore di elettrodomestici in Italia. Sempre nell’ambito della procedura vogliamo anche confermare la nostra intenzione di prolungare in questo periodo la possibilità di accedere a un pacchetto di incentivazione”, ha proseguito La Morgia durante l’incontro ribadendo anche la possibilità per i dipendenti del “trasferimento all’interno del gruppo”. 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com