La strana vicenda di Babchenko.

By on 1 giugno 2018

Poi il colpo di scena e la “risurrezione” in conferenza stampa. E a seguire una serie di critiche da parte di chi ad Arkadi Babchenko, giornalista russo e forte critico di Vladimir Putin, rinfaccia di avere sminuito la sua professione prestandosi a un’operazione dei servizi segreti.

Babchenko non è morto e le autorità dicono di avere finto la sua morte per far uscire allo scoperto chi voleva davvero ucciderlo: un cittadino ucraino – dicono – che sarebbe stato contattato dai russi per assoldare un sicario. Ora è lo stesso giornalista a parlare, rispondendo alle numerose critiche relativa alla sua integrità professionale emerse dopo i fatti di ieri.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.