La Germania vira a destra. Merkel esce sconfitta

By on 14 Marzo 2016

La Germania vira a destra. Netta la lettura che il settimanale Der Spiegel offre sui risultati del voto di ieri in tre Laender tedeschi, che hanno rappresentato un sonoro schiaffo alla politica sui migranti della cancelliera Angela Merkel, con un’affluenza alle urne relativamente alta, in media poco sotto al 70% dei votanti. Il dato incontrovertibile è l’ascesa folgorante dell’Afd, Alternative fuer Deutschland, il partito della destra populista, l’unico dichiaratamente contrario alla politica di accoglienza di Berlino: Afd ha raccolto da un minimo del 12,6% nella Renania Palatinato, passando per il 15,1% del Baden-Wuerttemberg, per finire con il clamoroso 24,2% nella Sassonia-Palatinato, dove il partito esordiente di Frauke Petry ha addirittura scavalcato la Linke. Il partito di Angela Merkel, la Cdu, ha perso ovunque consensi: nel Baden Wuerttemberg, i cristianodemocratici scendono di 12 punti percentuali e si fanno scavalcare dai Verdi, come annunciavano i sondaggi, che ora sono il primo partito con il 30,3% dei voti. La Cdu perde oltre 3 punti anche nella Renania, dove resta il secondo partito dietro all’Spd. Resta il primo partito ma perde molti voti, quasi 3 putni percentuali, nella Sassonia-Anhalt, dove scende al 29,4%, tallonato dall’Afd. In questo Land ex dell’Est sono la Linke e la Spd a crollare, rispettivamente di 7 e 11 punti percentuali.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.