La crisi del commercio non conosce battute d’arresto.

By on 22 Marzo 2013

bancheIQ. 22/03/2013 – La crisi del commercio non conosce battute d’arresto.

Questi i dati di Confesercenti nei primi due mesi dell’anno.

– 845 negozi, – 553 a Roma (due terzi negozi, un terzo alberghi, bar e ristoranti).

Anche i saldi tra chiusure ed aperture sono negativi: 576 e 392 in meno.

Il 16% delle superfici commerciali sono sfitti con un danno economico tra 80 e 120 mila euro per singola attività per il combinato disposto di canoni non percepiti e assenza di gettito fiscale.

Complessivamente la perdita per la nostra economia si aggira sui 60 milioni di euro ed 8 mila posti di lavoro.

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.