“Ice” o “Shaboo”, la droga “etnica” importata dalle Filippine.

By on 16 Novembre 2014

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato una donna filippina, trentasettenne, da anni stabilitasi in Italia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

L’indagine ha avuto inizio nello scorso mese di maggio a seguito dell’individuazione di un plico postale spedito dalle Filippine mediante vettore aereo e diretto ad un destinatario italiano residente a Roma, contenente dei microfoni per karaoke al cui interno erano stati occultati circa 500 grammi di cristalli di metanfetamina, conosciuta anche con il nome di “Ice” o “Shaboo“, droga definita “etnica” in quanto consumata prevalentemente da filippini. Tale stupefacente, che si presenta in cristalli simili al sale grosso e viene normalmente inalato dagli assuntori, provoca un forte stato di euforia, spesso gravi allucinazioni e occorrono poche inalazioni per diventarne dipendenti. Individuato il plico con la droga, i carabinieri di via in Selci hanno svolto indagini e appostamenti che hanno consentito di identificare i reali destinatari del pacco contenente il narcotico, che ovviamente era destinato a un prestanome.
A maggio scorso i militari hanno quindi arrestato due uomini filippini, residenti a Roma, accusati dell’illecita detenzione del narcotico. Durante le perquisizioni effettuate a casa dei due uomini sono state rinvenute altre confezioni di karaoke vuote, verosimilmente utilizzate in passato per simili operazioni, a dimostrazione della stabilità del traffico di droga gestito dagli indagati. La prosecuzione delle indagini ha quindi consentito di accertare che l’organizzatrice del traffico di stupefacenti era una donna, anche lei filippina, destinataria dell’odierna misura cautelare. Dalla vendita al dettaglio del narcotico sequestrato che, secondo le analisi esperite, era di buona qualità – tanto da poter ottenere circa 4.000 dosi – si sarebbero potuti ricavare oltre 100.000 euro. La donna arrestata è stata associata al carcere di Rebibbia femminile.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.