Hong Kong, arrestato il magnate Jimmy Lai

By on 10 Agosto 2020

Lunedì mattina, Hong Kong si sveglia scossa da una massiccia operazione di polizia contro alcuni simboli dell’opposizione cittadina. Poco dopo le 9 gli agenti si sono presentati a casa di Jimmy Lai, magnate dell’editoria apertamente schierato con il campo democratico, e lo hanno arrestato con l’accusa di aver violato la nuova legge sulla sicurezza nazionale introdotta da Pechino. Nel frattempo, oltre un centinaio di poliziotti è entrato nella sede di Next Digital, la società di proprietà di Lai che edita il tabloid Apple Daily, molto esplicito nel supportare le proteste e criticare l’establishment pro-Pechino e la Cina. Gli agenti hanno iniziato a perquisire gli uffici dell’azienda e del quotidiano, immagini filmate dai giornalisti e trasmesse in diretta Facebook. A poco più di un mese dalla sua entrata in vigore, la legge sulla sicurezza nazionale impatta sul mondo dell’editoria di Hong Kong, finora libero, ulteriore segno della stretta del governo centrale sulla città.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com