Graph Search: la nuova trovata di Mark Zuckerberg

By on 16 Gennaio 2013

Graph-Searchdi Stefania Paradiso

Facebook lancia la Graph Search il nuovo motore sociale. Mark Zuckerberg ha lanciato la nuova idea, ovvero un motore di ricerca arricchito da informazioni, immagini e contatti. La  Graph Search si differenzia dalla ricerca web “tradizionale” perchè è un sistema che cerca i miliardi di dati, immagini, video e connessioni che i suoi utenti mettono insieme.

Così, cercando un’informazione, Facebook restituirà tutto il quadro che compone i risultati relativi a quella particolare ricerca. Il miliardo di utenti di Facebook porta con sè 240 miliardi di immagini, e mille miliardi di interconnessioni tra utenti. Un patrimonio immenso del quale Zuckerberg assicura rimarrà intatta la privacy: “Si potranno effettuare ricerche solo tra ciò che è stato condiviso”. La  Graph Search è stata già definita la nuova antagonista di Google ma, in realtà, i loro usi sono molto differenti. Su Google si cerca ciò che serve, che non sappiamo, che vogliamo approfondire, dati, immagini e tantissimo altro; qui si cerca qualcosa di specifico e di condiviso. Può essere utile per sapere, ad esempio, come illustrato da  Zuckerberg, “Che locali frequentano i miei amici a San Francisco?”. Graph  Search non lavorerà da sola. Laddove essa non riesca a rispondere ai requisiti della ricerca i risultati saranno integrati con i risultati del motore di ricerca di Microsoft Bing. Il lancio del motore è contestuale alla presentazione: Graph Search è già attivo e per poterlo provare bisogna registrarsi alla pagina www.facebook.com/graphsearch. La borsa non sembra aver dato molto peso a questa novità e le azioni di Facebook continuano ad essere in ribasso. Come sempre però toccherà agli internauti decidere quanto “piace”.

Graph Search, Facebook, Mark Zuckerberg, motore di ricerca, IQ

 

 

 

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.