Una grande Juve batte il Monaco 2-0

By on 4 Maggio 2017
«Bisogna fare i complimenti ai ragazzi, perché questa gara di andata in casa del Monaco non era semplice»: non può che essere soddisfatto mister Allegri, dopo la semifinale di andata di Champions League, vinta 2-0 al Louis II di Monte Carlo contro il Monaco. «Loro sono una buona squadra e hanno un’ottima tecnica» – ha spiegato il tecnico bianconero – «Noi siamo partiti molto bene, sembrava persino tutto facile, poi abbiamo sbagliato qualcosina di troppo e Gigi ha fatto una grande parata sullo 0-0. Dopo il nostro vantaggio, abbiamo subito un paio di situazioni, loro sono stati bravi ma Gigi lo è stato altrettanto a parare, e c’è da essere contenti. Dobbiamo ancora giocare la partita di ritorno, perché loro non hanno niente da perdere e servirà un’altra partita seria».

«Senza Khedira, considerate le qualità e le caratteristiche del Monaco, una squadra che gioca molto sulle ripartenze, avevo bisogno di un giocatore più di marcatura preventiva, nonché di un saltatore. Per questo ho fatto giocare Barzagli, che ha fatto una partita straordinaria. Tutti i difensori hanno fatto molto bene, partite come questa dicono tutto sul valore di questi giocatori».

«Il merito è di quelli che li allenano, di tutto lo staff e dei preparatori che ho a disposizione. Nel primo tempo abbiamo molto bene, soprattutto all’inizio, poi nel secondo tempo seguivamo un po’ troppo a uomo. Siamo stati bravi a segnare dove loro sono bravissimi, ovvero nelle ripartenze. Era una partita molto difficile, contro una squadra difficile da affrontare, che gioca sulle verticali e ti allunga il campo, bisognava sempre tenere i difensori attaccati ai centrocampisti e viceversa, rimanendo molto compatti».

Non ci sono segreti, era solo una questione di ambientamento. Dani è stato fermato dall’infortunio, all’inizio doveva conoscere il calcio italiano. Ora è diventato molto più concreto, stasera ha giocato due palloni su Higuain quasi da regista. Pjanic è cresciuto molto: sono molto “arrabbiato” con lui perché ha qualità tecniche per diventare uno dei tre migliori centrocampisti al mondo, deve rimanere sempre lucido ed essere convinto delle proprie qualità, che finora ha espresso soltanto parzialmente».

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.