Governo stanzia 2,18 miliardi per i pensionati.

By on 18 maggio 2015

Il Consiglio dei ministri ha varato oggi un decreto legge che stanzia 2,18 miliardi di euro per pagare a poco meno di 4 milioni di pensionati un bonus il primo agosto come risarcimento per il blocco delle indicizzazioni delle pensioni nel 2012 e 2013, ritenuto illegittimo dalla Corte costituzionale. Lo ha detto oggi al termine del cdm il premier Matteo Renzi.

Il decreto prevede anche che il pagamento di tutte le pensioni avverrà da giugno il primo giorno del mese.

L’una tantum costerà 2,180 miliardi di euro e per farvi fronte il governo attingerà a quella che il premier ha definito ‘la parentesi rosa contenuta del Def 2015’, cioè lo 0,1% del Pil, pari a circa 1,6 miliardi, risultante dalla differenza tra deficit tendenziale (2,5%) e programmatico (2,6%).

Il provvedimento non sovverte i saldi di finanza pubblica per il 2015 e l’Italia potrà proseguire il suo percorso di risanamento avvalendosi della clasola europea delle riforme, come ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan.

Beneficeranno del bonus 3,7 milioni di anziani che prendono una pensione compresa tra i 1.400 e i 3.200 euro lordi al mese, secondo un meccanismo a scalare, in modo da rispettare il principio di gradualità e progressività sottolineato dalla Consulta, ha detto il premier.

Restano fuori da questa platea circa 670.000 persone, le cui pensioni superano di sei volte il minimo.

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.