G6 di Barcellona: Mare Nostrum diventi un’operazione europea

By on 27 Giugno 2014

Il ministro Alfano alla riunione del gruppo informale dei maggiori Paesi Ue ha chiesto all’Unione strategie chiare sui flussi migratori e un presidio più forte di Frontex nel Mediterraneo

Mare Nostrum deve diventare un’operazione europea. Nel senso che «è stata concepita come operazione a tempo, non può durare all’infinito». L’Italia ha dato e darà il proprio contributo ma è l’Europa che «deve diventare protagonista nel Mediterraneo, perché il Mediterraneo è di tutti». È questa la posizione italiana sul fronte immigrazione spiegata oggi dal ministro dell’Interno Angelino Alfano nell’ambito dei lavori della riunione dei ministri dell’interno dei Paesi del G6 aperta il 25 Giugno a Barcellona.

Per questo «noi chiediamo che Frontex prenda posizione e sia Frontex, cioè l’agenzia che deve presidiare le frontiere, a stare lì nel Mediterraneo» ha aggiunto.

«Nei contenuti di questa azione dei capi di Stato e di Governo», ha dichiarato Alfano entrando nel vivo dei temi affrontati dal G6, «l’Italia mette l’immigrazione e noi puntiamo a che anche gli altri si rendano conto che è un tema con il quale non solo l’Europa deve fare i conti ma dal quale può dipendere lo stesso rapporto tra l’Europa e i cittadini europei».

È fondamentale, in quest’ottica, che l’Europa abbia una strategia chiara sulla regolazione dei flussi migratori, perché «il Mediterraneo non è solo dei paesi che si affacciano sul mare».

«Con il collega Fernandez Diaz – ha aggiunto Alfano riferendosi al suo omologo spagnolo – abbiamo lavorato bene e sappiamo che c’e’ un’area del Mediterraneo che vede l’Italia e la Spagna assolutamente uniti sugli obiettivi e anche sull’immigrazione. E questo Mediterraneo che ci unisce è un Mediterraneo che è europeo».

Oltre al collega spagnolo, Alfano ha incontrato nell’ambito dei ‘bilaterali’ in programma dopo la riunione plenaria del G6 il commissario europeo agli Affari interni Cecilia Malmström e i ministri dell’Interno di Regno Unito e Francia.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.