Foibe, celebrezioni a Bosovizza.

By on 11 Febbraio 2019

Alle celebrezioni di ieri a Bosovizza, vicino Trieste, hanno preso parte il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani e il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Entrambi critici contro ogni forma di negazionismo. “I negazionisti sono stati sconfitti dalla Storia, chi nega è complice di quello che è accaduto. Ci sono migliaia di vittime innocenti, uccise perchè italiane. Rendere onore ai caduti è parte della nostra civiltà”. Così Tajani, a margine della deposizione delle corone d’alloro al Monumento della Foiba di Monrupino.  ” I bimbi morti nelle foibe e i bimbi di Auschwitz sono uguali. Non esistono martiri di serie A e vittime serie B”. Così il vicepremier Matteo Salvini. “Non esiste un però per Auschwitz e un però a Basovizza. Sono criminali gli uni e sono criminali gli altri”. “Non ci sono martiri di serie A e martiri di serie B, ci sono vittime della follia criminale dell’uomo a volte si dimentica di essere uomo”, ha aggiunto Salvini. “Mi porto a casa qualcosa: verità, giustizia amore e libertà”. “Farò tutto quello che sarà in mio potere da vicepresidente del Consiglio perché su tutti i banchi di tutte le scuole italiane la storia non si fermi, perché non ci siano stragi dimenticate – ha aggiunto – Per questo faccio affidamento su insegnanti su donne su uomini educatori liberi che portino in classe il passato affinché il futuro non riproponga mai orrori simili”. “Questa è terra sacra, questa è terra di sudore e di dolore, di onore e di memoria senza però” ha precisato.  “Da ministro – ha detto parlando a braccio e venendo più volte interrotto dagli applausi della folla presente sotto la pioggia – ho il dovere di costruire un futuro e quindi di guardare avanti, e di fare in modo che questa sia una terra di comunità e di fratellanza, di amore di accoglienza”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.