FIORENTINA-ATALANTA 3-3

By on 27 Febbraio 2019

16′ Gomez (A), 18′ Pasalic (A), 33′ Chiesa (F), 36′ Benassi (F), 58′ de Roon (A), 79′ Muriel (F)

FIORENTINA (3-4-1-2): Lafont, Ceccherini (80′ Laurini), Milenkovic, Hugo; Dabo (76′ Simeone), Benassi, Veretout, Biraghi; Gerson (52′ Edimilson); Muriel, Chiesa. All. Pioli

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, de Roon, Pasalic, Castagne; Gomez (87′ Barrow); Ilicic, Zapata (84′ Reca). All. Gasperini

Ammoniti: Hugo (F), Mancini (A), Toloi (A), Hateboer (A), Biraghi (F), Laurini (F)

Da pazzi i due quarti di finale, e da pazzi anche il primo atto della semifinale. Il round numero uno di Fiorentina e Atalanta – due che hanno eliminato rispettivamente 7-1 la Roma e 3-0 la super Juve di Cristiano Ronaldo – è finito in perfetta parità, con un piccolo vantaggio per la squadra di Gasperini che il 24 marzo attenderà Pioli a Bergamo. Atmosfera da grande appuntamento quella del Franchi, con tutto lo stadio a omaggiare Davide Astori prima della partita, a quasi un anno di distanza dalla tragica scomparsa del capitano viola. La Fiesole scrive “Il tuo ricordo scolpito nella mente e la consapevolezza che niente potrà mai cancellarlo”, mentre le tantissime bandiere Astori 13 sventolano sugli spalti.

Pronti e via è però l’Atalanta a sorprendere i padroni di casa, messi in campo da Pioli con una speculare difesa a tre, dove Dabo, il suo jolly, gioca da esterno destro con Biraghi sull’altra fascia. In tutto questo è però Ilicic l’uomo che segna l’inizio di partita: lo sloveno ed ex di turno parte alla grande facendo impazzire la difesa viola e servendo due assist per Gomez prima (16′) e Pasalic poi (18′). Un colpo (quasi) da ko a cui la Fiorentina risponde in un amen con le reti di Chiesa (decisivo l’errore di Palomino) e Benassi tra 33′ e 36′. Nella ripresa sarà de Roon a riportare avanti i bergamaschi con una gran botta dal limite, rimontato ancora una volta dall’ennesimo gol di Muriel, già al sesto centro personale in nove presenze in maglia Fiorentina. Nel recupero brivido con la traversa di Hateboer, ammonito e squalificato per il ritorno così come Toloi. E a Bergamo si preannuncia già un’altra grande sfida.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.