Fassina si è dimesso.

By on 5 Gennaio 2014

Non si dimise neanche quando il Governo Letta bocciò la sua proposta di far pagare l’Imu a quel 15% di popolazione più ricca che da sola avrebbe eguagliato i due miliardi di euro del restante 85% (n.d.r. Intervista rilasciata al nostro Giornale Informazione Quotidiana il 28 Agosto 2013); ma ora sono bastate due parole di Renzi per fargli prendere questa decisione.

Ebbene si, Stefano Fassina, viceministro dell’Economia, ha presentato a Letta le proprie «dimissioni irrevocabili» dopo «le parole del segretario Renzi su di me» come ha spiegato all’Ansa. Alla domanda su un eventuale rimpasto, chiesto a più riprese dall’economista, Renzi ha risposto nella conferenza stampa di oggi pomeriggio, ironicamente, «chi?».

Bersaniano di ferro, bocconiano con un passato al Fondo monetario internazionale, Fassina non ha mai nascosto le sue perplessità rispetto ai temi proposti da Renzi nei mesi scorsi, soprattutto sul fronte economico.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.