Expo 2015. Di Pietro: Il Governo si attivi per colpire comportamenti illeciti.

By on 12 Maggio 2014

Alla luce degli arresti che ci sono stati in questi giorni, e visto il sistema di corruzione che sta emergendo, rivolgo un appello al governo affinché, attraverso un decreto legge, si attivi immediatamente per colpire quei comportamenti illeciti commessi da coloro che ricoprono ruoli istituzionali.
Chi si macchia di reati durante il proprio mandato politico, per esempio, non deve percepire alcun vitalizio. Quel che mi preoccupa è sapere che certi personaggi, come Frigerio o Greganti, sono tornati alle cronache grazie a chi, avendo un ruolo politico, ha aperto loro la porta delle istituzioni. Il sistema, oggi, a distanza di più di vent’anni da Mani pulite si è ingegnerizzato. Noi avevano scoperto la punta dell’Iceberg. Il compito della politica era quello di estromettere certi personaggi. Questo non é accaduto e i fatti di questi giorni lo dimostrano. Invece di prendersela con chi rubava, se la son presa con chi ha portato avanti le inchieste. Ripeto, se davvero questo governo, ad iniziare dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, vuol fare qualcosa per porre un freno al sistema della corruzione ripristini, attraverso un decreto legge, il reato di falso in bilancio, ripristini il reato di concussione per induzione e vieti quei finanziamenti ai partiti da parte dei privati, che superano una certa cifra. Solo passando dalle parole ai fatti, e mettendo in campo misure concrete, sarà possibile provare a sradicare questo male che succhia linfa vitale alla nostra società.

Lo dichiara in una nota il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.