Entrate complessive accertate delle amministrazioni comunali in crescita.

By on 15 maggio 2015

Per l’esercizio finanziario 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni comunali sono stimate in 83.935 milioni di euro, in crescita rispetto all’esercizio precedente (+8,5%). Le entrate correnti crescono del 4,4%, quelle in conto capitale dello 0,2% e le entrate per l’accensione di prestiti del 70,3%.

Le entrate complessive riscosse sono pari a 77.799 milioni di euro, in crescita del 3,7% rispetto al 2012. Le entrate correnti aumentano dello 0,8% e quelle per l’accensione di prestiti del 48,4%, mentre le entrate in conto capitale si riducono dell’8,5%.

L’incidenza delle entrate tributarie sul totale delle entrate correnti è pari al 58,1%, ai livelli del 2011 ma in diminuzione rispetto all’esercizio precedente (61,3%). L’incidenza delle entrate extra-tributarie è al 20,8%, in riduzione di un punto percentuale rispetto all’esercizio precedente, mentre quella di contributi e trasferimenti si attesta al 21,1% rispetto al 16,9% del 2012.

Sono in forte crescita i trasferimenti correnti (+30,7%), con un’inversione di tendenza rispetto agli esercizi precedenti.

Nel 2013 il valore medio pro capite delle entrate correnti accertate è pari a 1.038 euro per abitante, 26 euro in più rispetto all’anno precedente.

Il valore stimato delle spese complessive impegnate dai comuni per l’anno 2013, pari a 82.320 milioni di euro, è in crescita del 9,4% rispetto al 2012. Le spese per rimborso di prestiti, quelle correnti e le spese in conto capitale risultano in aumento, rispettivamente, del 46,2%, 5,8% e 1,8%.

I pagamenti effettuati, pari a 77.498 milioni di euro, aumentano del 5,1%, sintesi della crescita delle spese correnti (+8,3%), di quelle per il rimborso di prestiti (+5,3%) e della riduzione delle spese in conto capitale (-6,3%).

La quota più elevata delle spese correnti (52,4%) è destinata all’acquisto di beni e servizi (di poco inferiore al 2012), il 26,2% al personale (28,4% nell’esercizio precedente), mentre le altre spese assorbono il 21,4% (18,7% nel 2012).

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *