DALLA CITTA’ METROPOLITANA POSSIBILE RISCATTO DELLE PERIFERIE

By on 31 Marzo 2015

ASSOEDILIZIA – Property Owners’ Association Milan Italy
Seminario a Milano del Coordinamento Comitati Milanesi

DALLA CITTA’ METROPOLITANA POSSIBILE RISCATTO DELLE PERIFERIE

Colombo Clerici: “C’è bisogno di luoghi nei quali gli abitanti possano identificarsi”

Benito Sicchiero

Se la città ha un’anima identitaria – e ce l’ha, eccome – essa si trova nelle periferie. Certo, nel centro storico vive un importante milieu, vi si concentrano i più importanti monumenti, si svolgono eventi di valenza nazionale e internazionale quanto mai pubblicizzati; ma l’anima dei centri storici, cosmopolita,  è molto simile a Milano come a Napoli, a Roma, a Parigi, a New York. Infatti l’identità di una città viene rappresentata dal suo popolo, non dalla sua èlite; popolo che vive nelle periferie. E ancora: permane, anacronisticamente in un’epoca di globalizzazione della comunicazione, una dicotomia, matrice di diseguaglianze, tra centro e periferia. La rivalutazione delle periferie può venire dalle Città Metropolitane nelle quali le attuali periferie sono destinate a  diventare raccordo con i comuni delle nuove realtà amministrative. La Grande Milano indica la via da seguire. Problematiche e  modalità sono state spiegate nel seminario organizzato dal Coordinamento dei Comitati Milanesi di Carlo Montalbetti.

Le periferie presentano situazioni di degrado e di insicurezza accanto a nuovi e vitali fenomeni di centralità e di attrattività. Un sondaggio Ipsos realizzato a Milano ritrae una città sul filo dell’emergenza.   Per il 34 per cento dei suoi abitanti è  «poco sicura», per l’8 «per nulla sicura». In totale il 42 per cento non si sente tranquillo, era il 34% solo un anno fa.   La paura, quindi, da un lato non va sottovalutata, ma, dall’altro, nemmeno strumentalizzata a fini elettorali. La paura, al contrario, va capita e affrontata, partendo dal basso, confrontandosi sui problemi reali, facendo seguire alle idee i fatti concreti.

Eccoli. Secondo un censimento della Consulta Periferie Milano, nei quartieri all’esterno del centro storico nel solo mese di marzo 2015 si sono svolti oltre 150 eventi a ingresso libero: concerti, rappresentazioni teatrali, visite guidate, conferenze, manifestazioni sportive, corsi scolastici per immigrati e non, e tanto altro, a cura di oltre 700 enti e associazioni. L’informazione è garantita da giornali, radio e tv locali. Ebbene, questa stupefacente vivacità culturale trova scarsa o nulla pubblicizzazione da parte dei grandi media polarizzati dal centro storico. Né sorte migliore hanno i tentativi di collegare la cultura tra centro e periferia. Esempio emblematico: il Teatro degli Arcimboldi alla Bicocca  non è mai diventato la Scala-bis come era stato programmato.

Commenta Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia: “Ogni periferia ha comunque bisogno  di luoghi identitari per permettere a chi vi risiede di identificarsi, radicandosi in essa, e  perciò di rispettarla e di amarla. Periferie vivibili fanno vivibile la città. Pensiamo ad esse come membra e il centro metropolitano come al corpo: indispensabili le une all’altro e viceversa per vivere”.

Sono intervenuti: arch. Stefano Boeri, don Virginio Colmegna, il deputato Emanuele Fiano, Antonio Calabrò (Fondazione Pirelli), Ottaviano Di Blasi (Tutor Team Renzo Piano), l’assessore alla Casa e all’Area Metropolitana del Comune di Milano Daniela Benelli, Luca Comodo (Ipsos), rappresentanti del Coordinamento Comitati Milanesi.

Achille Colombo Clerici con don Virginio Volmegna

Achille Colombo Clerici con don Virginio Volmegna

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.