Conte spara a zero su Salvini.

By on 21 Agosto 2019

La crisi «di fatto» che ha tenuto banco nelle ultime due settimane è stata formalizzata. Alle 15 in punto nell’aula di Palazzo Madama il premier Giuseppe Conte ha preso la parola. Ha attaccato a testa bassa Matteo Salvini e la Lega, per avere avviato la crisi «in maniera irresponsabile» e «perseguendo solo interessi personali» e per la «mancanza di sensibilità e cultura istituzionale». E ha annunciato la fine dell’esperienza a Palazzo Chigi: «Questo governo si arresta qui». Mezz’ora prima dell’inizio della seduta il blog dei Cinque Stelle aveva pubblicato un post definendo Matteo Salvini «inaffidabile», facendo di fatto cadere l’opzione di una riproposizione dell’alleanza giallo-verde. Anche se lo stesso Salvini, intervenuto subito dopo Conte, ha rivendicato le proprie scelte («Rifarei tutto») e evocato il ritorno alle urne («Non abbiamo paura del giudizio degli italiani»). Lasciando però aperto uno spiraglio nel rapporto con i pentastellati: «Volete fare il taglio dei parlamentari, una manovra di bilancio coraggiosa e riforme significative? Noi ci siamo». Matteo Renzi dai banchi del Pd ha espresso soddisfazione per la fine dell’esperienza di governo populista, «ma faremo la nostra parte per evitare che a pagare il prezzo del fallimento siano gli italiani». Subito prima il segretario Dem, Nicola Zingaretti, aveva però ammonito sul rischio di autoassoluzione del premier uscente: «Dove era in questi 15 mesi? Perché non ha denunciato prima le cose che di Salvini ha detto in aula? Perché non ha ricordato i disastri prodotti dal governo in economia, sul lavoro, sulla crescita e lo sviluppo?

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.