Confisca record della Dia alla mafia

By on 3 Aprile 2013

diaIQ. 03/04/2013- Confisca record della Dia alla mafia. La Direzione Investigativa Antimafia sta eseguendo la più cospicua confisca di beni mai effettuata in Italia, che colpisce al cuore l’aria grigia di “cosa nostra”. I beni confiscati ammontano ad oltre un miliardo e trecento milioni.

L’operazione di mega-confisca, che, oltre la Sicilia, sta interessando Lombardia, Lazio e Calabria, colpisce i beni formalmente riconducibili al “re del vento” Vito Nicastri, alcamese, cinquantasettenne, personaggio leader nel settore della produzione alternativa dell’energia elettrica, segnatamente fotovoltaico ed eolico.

Nicastri è stato coinvolto in numerose vicende, anche di natura penale, insieme ad esponenti mafiosi, relazionandosi con soggetti organici a “cosa nostra”. La sua contiguità, consapevole e costante, agli interessi dell’associazione mafiosa, spiega la Dia in una nota, che ha favorito la sua trasformazione da semplice elettricista a “sviluppatore”, figura imprenditoriale tipicamente italiana, connessa allo sfruttamento dell’energia eolica, facendogli assumere una posizione leader a livello nazionale nel settore, lo fanno ritenere prestanome del latitante Matteo Messina Denaro.

(Fonte Tmnews)

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.