Confederations Cup. L’Italia si qualifica con un turno d’anticipo.

By on 20 Giugno 2013

Italia Giappnedi Gianluca Colasanti

IQ. 20/06/2013 – E’ un’Italia altalenante quella che, battendo per quattro a tre il Giappone, si qualifica con un turno d’anticipo alle semifinali di Confederations Cup. Infatti dopo la solida e rassicurante prestazione contro il Messico nessuno si sarebbe aspettato che gli azzurri faticassero tanto per tenere a bada la squadra nipponica, al quale va onestamente riconosciuto di aver dominato la gara per lunghi tratti. La partita inizia con 35 minuti di vero inferno per gli uomini di Prandelli che soffrono il gioco veloce ed il pressing asfissiante dei giapponesi i quali riescono a passare in vantaggio con Keisuke Honda(obiettivo di mercato del Milan)bravo a superare Buffon sugli sviluppi di un calcio di rigore, a dir poco generoso, concesso dall’arbitro.

Passano poco piu’ di dieci minuti e la squadra guidata da Alberto Zaccheroni trova il bis con Kagawa, che corona una partita da migliore in campo con una bella girata al volo che non lascia scampo a Buffon. A questo punto l’Italia sale in cattedra mostrandosi propositiva a livello offensivo e riuscendo a trovare il goal del due a uno con De Rossi ,che si inserisce benissimo su cross di Pirlo insaccando di testa. All’inizio della ripresa gli azzurri sembrano avere un altro piglio, certamente galvanizzati dal goal segnato poco prima dell’intervallo, ed in sette minuti ribaltano completamente la situazione.  Al cinquantesimo infatti un ottimo Giaccherini si invola sulla fascia lasciando sul posto un paio di avversari  e concludendo la propria azione con un cross basso deviato in rete da Uchida per il pareggio italiano.

Passano solo due giri d’orologio e l’arbitro sanziona con un penalty il mani in area di Hasebe su una conclusione di Giovinco. Sul dischetto va il solito Mario Balotelli che spiazza il portiere,regalando il vantaggio all’Italia, e si conferma infallibile dagli undici metri. Tuttavia il Giappone non intende rassegnarsi e torna a giocare come nella parte iniziale di gara riuscendo a trovare il goal del meritato tre a tre con un perfetto colpo di testa di Okazaki al sessantanovesimo.

A questo punto la partita diventa spettacolare con continui capovolgimenti di fronte e con diverse occasioni davvero sfortunate per i nipponici che ,quando manca poco alla fine, colpiscono ben due legni nella stessa azione. Inaspettatamente però a quattro minuti dalla fine arriva la beffa targata Giovinco, che spinge la palla in rete dopo una splendida discesa sulla sinistra di Marchisio, condannando Zac e i suoi  ad una ingiusta sconfitta che significa eliminazione e lasciando all’Italia la possibilità di giocarsi il primo posto nel girone nel big match di sabato prossimo contro il Brasile di Neymar.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.