Clima di fiducia delle imprese

By on 29 Marzo 2013

industrieIQ. 29/03/2013 – A marzo, l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane (Iesi, Istat economic sentiment indicator) espresso in base 2005=100, sale leggermente a 78,0 da 77,6 di febbraio.

Il recupero dell’indice complessivo è dovuto al miglioramento della fiducia delle imprese manifatturiere, a fronte della diminuzione registrata nel settore delle costruzioni e del commercio al dettaglio e del leggero calo dell’indicatore nelle imprese dei servizi di mercato.

L’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere aumenta, passando da 88,6 di febbraio a 88,9. Migliorano le attese di produzione (da -4 a -3 il saldo), mentre peggiorano i giudizi sugli ordini (da -42 a -43); passa da 1 a 0 il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino.

L’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie (Rpi) indica un miglioramento delle attese di produzione nei beni di consumo (da -4 a -2 il saldo) e nei beni strumentali (da -3 a -1), mentre indica stabilità nei beni intermedi (-5).

L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione diminuisce da 81,5 di febbraio a 80,0. I giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione peggiorano (il saldo scende da -51 a -53), mentre le attese sull’occupazione rimangono stabili (-13).

L’indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi di mercato resta sostanzialmente costante (da 73,8 di febbraio a 73,7). Migliorano i giudizi (da -26 a -23) e le attese sugli ordini (da -13 a -11), ma peggiorano le attese sull’andamento dell’economia in generale (da -49 a -53).

Nel commercio al dettaglio, l’indice del clima di fiducia diminuisce, passando da 75,8 a 75,4. Recuperano i giudizi sulle vendite correnti (da -58 a -55), ma peggiorano le attese su quelle future (da -20 a -23); il livello delle scorte è giudicato in lieve aumento (da 3 a 4).

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.