Caso Ema. Clerici: “A fronte dichiarazioni Rasi, o inesattezze o errore nel valutare dossier.”

By on 30 Gennaio 2018
Caso EMA/ Unione Europea – Dichiarazione del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici: a fronte delle dichiarazioni di Rasi, o inesattezze o errore nel valutare il dossier
A s s o e d i l i z i aSe le affermazioni del Direttore dell’EMA rispondono al vero: o il dossier olandese contiene delle inesattezze oppure e’ errata la valutazione europea. Sarebbe comunque un vero scandalo.

Il Parlamento Europeo deve urgentemente intervenire
* * *
Dichiarazione del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici:

Se, dopo che Amsterdam ha ammesso di essere in ritardo per i lavori che permetteranno all’Agenzia del Farmaco, ora con sede a Londra, di traslocare nel 2019 in seguito alla Brexit, rispondessero al vero le lagnanze del direttore esecutivo dell’Ema, Guido Rasi, che in una conferenza stampa tenuta dopo un incontro con le autorità olandesi ha affermato che la nuova sede non sarà pronta in tempo e che la soluzione alternativa si presenta come “non ottimale”, dato che garantirebbe la metà degli spazi necessari e un aumento delle spese, sarebbe un vero scandalo europeo.

Avevamo sostenuto che il processo di assegnazione della agenzia avrebbe dovuto concludersi comunque con una decisione politica da parte dell’Unione Europea, proprio per evitare soluzioni pilatesche in cui nessuno risponde di cio’ che e’ accaduto.

La decisione politica avrebbe comportato una assunzione di responsabilita’ da parte dell’Europa, che probabilmente sarebbe andata a riverificare i dossier presentati dalle parti per accertare la fondatezza dei presupposti della decisione.
Cosi’ non e’ avvenuto.

Esemplificando per analogia, secondo le nostre leggi un appalto vinto in questo modo configurerebbe una serie di illiceita’.
I casi sono due: o il dossier presentato illustra una situazione inesatta, ed allora c’e’ un difetto da parte di chi richiede l’assegnazione, o viceversa illustra una situazione veritiera, ed allora c’e’ una valutazione errata da parte dell’Ente. promotore.

Comunque, anche se le lagnanze non dovessero “tenere”, resta il fatto che una siffatta decisione avrebbe meritato un esito politico e non casuale: un esito che permettesse all’Italia, dichiaratasi pronta per l’assegnazione, di far valere la storica insufficienza di sedi rappresentative dell’ Unione nel nostro Paese.
Il Parlamento Europeo deve urgentemente intervenire per dirimere il grave caso.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.