Bracciano: domani nella seduta consiliare debutto del nuovo Consiglio delle Bambine e dei Bambini

By on 7 Giugno 2013

BraccianoIQ. 07/06/2013 – Insediamento di 16 nuovi consiglieri. Il sindaco Sala: “vogliamo raccogliere fattivamente le loro istanze”. Per il vicesindaco Gianpiero Nardelli: “un passo importante per tenere conto delle opinioni dei ragazzi che spesso non coincidono con quelle dei grandi”

“Ritengo sia un passo fondamentale per coinvolgere i bambini nella vita amministrativa della cittadina, per favorire i processi di partecipazione e favorire lo sviluppo socio-culturale dei bambini e del loro senso civico. Credo sia giusto ascoltare il punto di vista dei bambini che non sempre coincide con quello degli adulti e dei genitori”. Così Gianpiero Nardelli, vicesindaco di Bracciano con delega alla Pubblica Istruzione commenta la nascita, per la prima volta a Bracciano, del nuovo Consiglio delle Bambine e dei Bambini che debutterà ufficialmente domani nella seduta di Consiglio comunale fissata per le ore 18.30.

 

Bracciano diventa in questo modo una città che vuole tenere in alta considerazione le opinioni dei più piccoli dando inoltre attuazione anche a normative di carattere internazionale quale la Convenzione dei Diritti dell’Infanzia che, all’articolo 12, stabilisce che gli “Stati garantiscono al fanciullo capace di discernimento il diritto di esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa”.

Nel dare il via al nuovo organismo consultivo il Comune di Bracciano ha tenuto conto, facendo tesoro anche di esperienze sul campo in altri Comuni, delle specifiche linee guida in materia.

Come il Consiglio dei “grandi” il miniconsiglio è composto da 16 consiglieri, 8 bambine e 8 bambini, risultati estratti tra una lista di alunni frequentanti attualmente la III e la IV (l’estrazione successiva riguarderà quelli frequentanti la IV e V elementare) nei due istituti scolastici di Bracciano.

Il Consiglio delle Bambine e dei Bambini dura in carica due anni. “Il Consiglio delle Bambine e dei Bambini – spiega ancora Nardelli – potrà dare un proprio parere consultivo nelle seguenti materie: Politiche Ambientali, Sport e Tempo Libero, Giochi, Rapporti con l’Associazionismo, Cultura, Spettacolo, Pubblica Istruzione e Rapporti con l’Unicef. Il Comune dovrà informare il Consiglio delle Bambine e dei Bambini sui progetti in corso chiedendo di esprimere un parere da deliberare al loro interno. L’organismo – precisa ancora il vicesindaco potrà inoltre avanzare proprie proposte sulle quali l’amministrazione dovrà dare risposte entro 30 giorni”.

Tra i bambini che fanno parte del Consiglio delle Bambine e dei Bambini figura anche una bambina di nazionalità romena.

“D’ora in poi – specifica Nardelli – accanto ai nomi dei consiglieri comunali comparirà, durante le sedute consiliari anche il nome dei consiglieri bambini. I nominativi verranno fatti ruotare. Spero che questo accostamento simbolico tra consiglieri baby e consiglieri “grandi” – sottolinea Nardelli – serva ad ammonire il Consiglio comunale a tenere nel corso della seduta un profilo alto e civile, ricordando che costantemente “i bambini ci guardano”.

“Il Consiglio delle Bambine e dei Bambini – commenta il sindaco di Bracciano Giuliano Sala – è sicuramente uno strumento di “sensibilizzazione” per coloro che governano la cosa pubblica e che troppo spesso prestano poca attenzione ai piccoli cittadini residenti. Vogliamo cercare – aggiunge ancora Sala – di raccogliere fattivamente quelle sollecitazioni sempre molto intuitive che provengono dai più piccoli”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.