Botta e Risposta del Dott. Brozzi e Laura Cugini.

By on 27 Maggio 2014
Buongiorno cari lettori di questa rubrica, il tempo a disposizione mio e del Dott Brozzi è ormai pochissimo e faremo di tutto per tornare ad essere regolarmente tra voi al più presto, abbiamo ricevuto diverse mail che dobbiamo pubblicare per rendere giustizia a chi ancora ci segue…..
Ma siamo convinti che presto tornerà tutto come prima e riusciremo a passare più tempo tra le righe, intanto godiamoci lo scritto del nostro dolcissimo amico Ivan, il quale sta scrivendo regolarmente e diventa ogni giorno più bravo ma che oggi è anche il festeggiato, il nostro amico infatti compie gli anni e la rubrica è dedicata a lui. Tanti auguri Ivan, da parte mia, del Dott Brozzi, del direttore Pietro Bardoscia e di tuti gli amici che leggeranno:
Domenica piovosa
Che senso ha ritrovarti, rivederti…rubarti un bacio
per non dimenticare quanta passione c’è ancora in Noi…
e poi sapere che torni da lui…
corri da me perchè ti senti soffocare…
hai bisogno del Mio abbraccio per stare meglio…
ti rubo un bacio che in fondo è voluto…
ma coraggio tu non hai e torni da lui…
che senso ha?
Fai l’amore con lui ma il tuo pensiero ti riporta sempre a me…
nei tuoi pensieri ci sono io…
lui è un abitudine, io sono il vero Amore…
spiegami che senso ha…
Ivan Vita.
Sempre tenero……vogliamo farvi leggere una cosetta che ci ha mandato stamattina Carlo, ma scritta con semplicità:

Buongiorno al mondo

 

Buongiorno a te che sei innamorato,

buongiorno a te che sei stato appena lasciato ,

buongiorno a voi che non avete una donna ,

buongiorno a chi ama una donna che è vita

ed infine buongiorno a te cielo azzurro

che nella tua infinità ci fai godere

questo bellissimo giorno pieno di sole.

Carlo Picozzi
Un simpaticissimo buongiorno a tutti, ma vorrei rispondere a Carlo che a Latina il cielo è ora coperto da una grossa nube che non fa sperare in nulla di buono…….ora amici cari dovete leggere la poesia riportata di seguito dedicata al grande Edo, come chi? Ma De Filippo…..
Lettera a Eduardo

‘Onn Eduà scusate , permettete ….
Era ‘a paricchio ca ‘o vulevo fa,
ve sta screvenno ‘o core , no ‘sti ddete,
pecchè le fa piacere e ve parlà.

E’ ‘a troppo tiempo ormaie ca ce mancate,
e tanti cose cchiù nun è sapite ;
ccà pure ‘o Pataterno s’’e scurdato
e cierti vote, è meglio nun vedite.

Nu certo ” De Pretore s’arrangiava,
campanno a nomme ‘e Dio, comme se dice ” ,
chi s”o pensava, chi s’immaginava,
a nuje ce hanno ridotto comme alice .

Vuje ve site “ ariaunite “ cu ‘a famiglia
E cu ll’amice ‘e Napule cchiù care ;
‘o Principe , Pupella e, a mille miglia,
cu Reginella , Taranto , ma ‘o mare ,

nu mare ‘e lacreme è rimasto ccà .
Vuje quanno ce mancate , nun sapite ,
e pe’ campà , mò chello ca se fa !
Ma nun v’amariggiate, nun chiagnite.

Je v’immagino ‘ncopp’ ‘o Paraviso ,
cu l’angiulille , l’aneme e cu ‘e Sante,
e vuje ca regalate nu surriso
o, na lacrema , a tutta chesta gente .

Chissà quanti spettacule facite !
Vuje lloco ‘ncoppe site sempe ‘o Re.
E, quanno tutte ‘e sere recitate,
pure ‘o Signore ve vene a vedè.

Quanta cummedie belle ca se danno ,
e che triatro , che divertimento !
Però senza penziere , senza affanno ,
e ‘e repliche ca vanno a ciento a ciento.

Si ‘ncopp’’a terra uno ha dato, ha avuto ,
ma soprattutto, ha buono semmenato ,
quanne se pensa ca è tutto fernuto ,
invece forse, è appena accuminciate .

Nunn è cchiù milionaria ‘sta città,
forse è ferita ma, nun po’ murì ,
pecchè è rummasto ‘o core e, ‘a verità ,
“ Questi fantasmi “ nun se ne vonno ji .

Tanto ‘o sapimmo , “ adda passà ‘a nuttata “ ,
è nu triatro ‘a vita e accussì va ,
ma vuje a llà ‘ncoppa , nun ce abbandunate ,
pecchè pe’ nuje , vuje state sempe ccà !

E po’ a “ Luca Cupiello “ areto ‘e llente ,
dicitece ca nun fa friddo fora ,
fa friddo e, assaje cchiù peggio, dint’’o core ,
ma ‘o presepio mò piace a tutte quante

Gennaro Sansone

E già caro il nostro Gennaro ‘o presepio mò piace a tutte, bell e brutte……..pur se li fantasmi nun se ne von ji…….ma evitiamo inutili polemiche e passiamo alla prossima poesia tornando al tema dell’amore…..per una donna, lo fa Mimmo in queste quartine:

Jì so gèluso ‘e te pe ‘stì bèllìzze

gèluso pure sì tù guard”a luna

gèluso ‘e tutte chelle c’ àccarìzze

‘e tutte chelle c’ appartìene a tte’.

‘E ‘stì capìlle còmme e riccie ‘e mare

nìre curvine e cchellu vèrde ‘e ll’uòcchie

sònghe gèluso ‘e ll’aria ca respìre

‘e chi te pò ttenè ‘ncòpp”e denòcchie.

Me fà murì ‘sta vòcca pìccèrella

ca quanne ride caccia ‘e perle rare

mme pìace chesta fàccia tunnùlella

jì pe ‘nu sguardo me vennèsse ‘o còre.

Jì so’ gèluso quanne mmìez”a via

te veco ‘e cammenà ch”e cumpagnìèlle

mme pìglia còmme fosse malatìa

nun me controllo: e fàccio ‘e fìgurèlle.

Ormàje sì addeventàta ‘o chìuòvo fisso

‘sta gèlusia nun mme fà cchiù campà

te tèngo jnt”o pènziero sempe e spìsse

sì ‘a mmèricìna ca mme pò salvà.

Jì sò gèluso ‘e te pecchè tu esiste

gèluso sì gèluso! ‘O ssàje pècche’?

Jì voglio sùle a tte, e a tùtte e còste

pecchè mme sento niente senza ‘e te!

Mimmo Coppola

Amici cari, permettetemi di pubblicare un acrostinomio, ossia uno scritto in cui le prime lettere di ogni rigo formano una parola in questo caso il titolo, scritto dall’amico Giulio:

ACROSTINOMIO

‘O MARENARO

‘O mare, chillu bellu…
M are blu, isso nun se l’
A rricorda cchiù.
R imane sulo ‘o ricordo d’
E staggioni luntane e luntano..
N a varca vere ‘o marenaro.
A rranca p’ ‘e mmari d’ ‘a mente luntani e..
R immaneno a casa ‘e ricordi. Mò
O tiempo pe’ isso s’è fermato, po’abbastà.

Giulio Durni

Forte…… vorrei provarci anch’io, ma con calma, intanto vi propongo uno dei sonetti scritti dal nostro maestro, ormai impegnatissimo a scrivere la fine del suo meraviglioso libro di cui non vi faccio accenno ma che presto vi inviterò a leggere…..io l’ho già letto in fase di “lavorazione” e ho trovato la trama molto  particolare, ma non posso scrivervi altro:

Tocca abituasse ar peggio

Dinanzi ar capezzale de n’malato
s’aggirava na mandria de dottori
che alla stregua de miseri esattori…

maneggiaveno qual fosse fatturato.

E chi sarebbe sto morammazzato?
Domannò er capo de li primari;
rajanno rispose l’orda de somari:
n’ex lavoratore … n’disoccupato.

Se po sapè de grazzia che je dole?
Gnente, nun vò le cure pajative,
a flessibbilità, dice che na vole.

Ah sì! A giovanò cerca de capì:
si’nsisti testardo a volè vive
t’hai d’abituà a na cosa, a morì!

 Mario Brozzi
Naturalmente non può mancare il mio sonetto, quello che leggerò sabato sera in Piazza del popolo a Latina insieme ad altri poeti, per mandare in stampa come tutti gli anni, l’antologia dei poeti pontini:
La madre ar fijo

Me manca quer profumo de bucato,

me mancheno li modi tua educati.

Me manca quer tocco delicato,

me mancheno li soni fischiettati.

Me manca de sentitte arabbiato,

me mancheno l’abbracci accalorati.

Me manca de sapè c’hai combinato,

me mancheno quell’anni ormai passati.

Stò sempre a pensà a te fijo mio diletto

e ai giorni che sverti se ne vanno,

a chi godrà de te e der tuo affetto.

Ma nessun’artra donna a questo monno

potrà strignete  forte contro er petto

e sorvejatte con amore er sonno.

Laura Cugini

Con il cuore palpitante e gonfio di tristezza per la mancanza di mio figlio che si è trasferito a Londra vi lascio alle vostre cose ringraziando il direttore del nostro giornale telematico www.informazionequotidiana.it che mi/ci permette di incontrarci su questa semplice rubrica dove ognuno di noi può esprimersi come vuole insieme al nostro grande amico Mario Brozzi.

Brozzi

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.