Botta e Risposta del Dott. Brozzi: IL VECCHIO, IL PESCE E IL PREDATORE

By on 25 Settembre 2013

BrozziIQ. 25/09/2013 – Buonasera gente mia che pensate, oggi mi sento particolarmente soddisfatto poichè inizio a dare forma al mio nuovo studio medico…per essere esatti lo era già stato prima della mia parentesi politica durata quanto basta per capire che siamo ad una svolta di quella che prima potevamo considerare tale.

Visto il mio entusiasmo di oggi dovuto anche alle parole di papa Francesco riportate anche sul Financial Time e che spero abbiate tutti giustamente interpretato, vorrei farvi dono di una poesia da me scritta tempo fa alla quale mi sento particolarmente affezionato e che la mia amica di sempre, Laura ha recitato per me domenica durante un ritrovo di “poeti” contemporanei, dal momento che io ero andato a fare ….il pescatore. Grazie amica mia per occuparti di me.

IL VECCHIO, IL PESCE E IL PREDATORE

‘N’ANZIANO VECCHIO PE’ FA SCORE L’ORE

S’ERA ‘NVENTATO DE FA ER PESCATORE

SE SA’ ER TEMPO SCORE A MODO SUO

ER MIO ‘NFATTI N’E’ MICA COME ER TUO

NER SENSO CHE GIRA CHE T’ARIVORTA

E’ LA SOLA COSA DE CUI NUN FAI SCORTA

SICCOME A QUELLO JE S’ERA FERMATO

A VORTE ER TEMPO FA ER DISGRAZIATO

T’AVEVA SFOGATO L’IMMAGGINAZZIONE

TROVANNO ‘NA PERSONALE SOLUZZIONE

SE PROCURO’ COSI CANNA, AMI E LENZA

ASSUMENNO DER PESCATOR PARVENZA

S’ARZO’, LASCIANNO PAIOLO E CAMINO

SMETTENNO PURO LI PANNI DA PAINO

E VESTENNO QUELLI DE LA CAMPAGNA

COMPRESA PURE ‘A CARZAMAGLIA

LOCCO LOCCO TE SCESE ER FIUME

SFIDANNO DE LA STAGIONE ER BRUME

COME V’HO DETTO. PE LUI ER TEMPO ERA,

QUER TRATTO PRIMA, DE COLORI DE CERA.

NON APPENA MISE L’AMO AMMOLLO

JE’ S’ALLAMO’ ALL’ISTANTE PURO QUELLO

CONoSCIUTA E’ ‘A FORTUNA DEI PRINCIPIANTI

ANCORA MEJO DE QUELLA DELL’INSEGNANTI

SOTT’ACQUA SE NISCOSE ER GALLEGGIANTE

E LA LENZA DA MORTA, SE FECE DANZANTE

LA CANNA SE ‘NCHINO’ DINANZI AR FIUME

E L’OMO ANTICO INIZIO’ ER TIRO DE LA FUNE

ALL’ANTRA ESTREMITA’ UN ESSERE VIVENTE

PROVO’ PE ‘N’ATTIMO A FASSE COMBATTENTE

MA PE POCO ESERCITO’ LA RESISTENZA

E SE CONSEGNO’ STREMATO ALLA LENZA

ER PESCATORE CO’ RISPETTO LO DISTESE

DOPO CHE DALL’ACQUA SORTITO LO PRESE

PE ‘N’ATTIMO SE ‘NCROCIARONO CO’ LO SGUARDO

UNO RASSEGNATO, MENTRE L’ANTRO DE RIGUARDO

VEDENNO DELL’ANIMALE ‘A MOLE ER PESCATORE

CAPI’ ‘MMEDIATAMENTE CH’ERA UN PREDATORE

E SENZA NASCONNE MINIMAMENTE SORPRESA

DOMANNO’ A SE STESSO LA FACILITA’ DE QUA’ PRESA

ER PESCE, INTERCETTANNO QUELLO STUPORE

CHIARI’ CO’ DU’ PAROLE LA COSA AR PESCATORE

“T’ARINGRAZIO FRATE’ PE AVEMME PESCATO

HO FINITO DE SOFFRI’ PERCIO’ NUN HO LOTTATO

QUANNO ‘A VITA DIVENTA OGNI ORA ‘N TORMENTO

L’ARIVO DE LA MORTE TE FA SOLO CONTENTO”

“E PERCHE’ MAI FJO CAMPAVI COSI MALE?”

“PERCHE’ QUESTO E’ ER FIUME, MICA ER MARE”

“EMBE’?” DOMANNO’ LESTO ER PESCATORE

“COME EMBE’, IO SO’ UN PESCE PREDATORE

E SICCOME DEVO NOTA’ NELL’ACQUE DORCI

LE SOLE PREDE RIMASTE SO’ LI SORCI”

Affettuosamente Mario Brozzi

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.