Botta e Risposta del Dott.Brozzi: Fu caino c’ammazzò Abbele!

By on 31 Ottobre 2013

BrozziIQ. 31/10/2013- Buongiorno gente mia che pensate, riporto direttamente un passo della genesi che narra la storia di Caino e Abele, che come tutti certamente conoscerete è la storia di due fratelli, uno agricoltore, l’altro pastore, il primo uccise il secondo per invidia.

Oggi nel pensare alla loro storia ho scritto una cosetta su questa “torre di babele” che è la nostra attuale politica e trovo che il passo della genesi dia già la spiegazione al mio sonetto:

[1]Adamo si unì a Eva sua moglie, la quale concepì e partorì Caino e disse: «Ho acquistato un uomo dal Signore». [2]Poi partorì ancora suo fratello Abele. Ora Abele era pastore di greggi e Caino lavoratore del suolo.

[3]Dopo un certo tempo, Caino offrì frutti del suolo in sacrificio al Signore; [4]anche Abele offrì primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore gradì Abele e la sua offerta, [5]ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto. [6]Il Signore disse allora a Caino: «Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? [7]Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dòminalo».

[8]Caino disse al fratello Abele: «Andiamo in campagna!». Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise. »

(Genesi, capitolo 4)

Fu caino c’ammazzò Abbele!

C’è tutto dentro quell’assassinio

Ma sorattutto a brama per dominio

Da cui nasce stà tore de babbele

L’invidia e a gelosia der predominio

Se so così scorpite su n’de la stele

Che la divisione soffia sì forte su le vele

D’esse a’n passo dar trionfo de l’abbominio

In campo sempre loro, er tutti e’er gnente

In corsa verso er punto de lo scontro

Co’n mezzo er potere der core e de la mente

Amichi cari và finenno er tempo de le mele

Si volemo distrugge stà parolaccia contro

Aricominciamo da capo arisuscitanno Abbele!

Affettuosamente Mario Brozzi

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.