Bernardini (UIL FPL Roma e Lazio): “Si tutelino i lavoratori impiegati nell’assistenza domiciliare”

By on 24 Maggio 2014

Dal sito del sindacato Uil Fpl di Roma e Lazio (*)

“Nel mese di Maggio decine di lavoratrici hanno ricevuto con giorni di ritardo lo stipendio dalla Proximus-Valcomino, cooperativa che dall’agosto 2013 sta gestendo l’assistenza domiciliare per il Comune di Tivoli”.

Lo comunica in una nota il Segretario Generale della UIL FPL di Roma e Lazio Sandro Bernardini che aggiunge: “Da quello che ci risulta sembra che il Comune di Tivoli debba pagare alla Cooperativa un importo pari a 700.000,00 €, creando di fatto serie difficoltà nella erogazione degli stipendi. Temiamo che lo stesso problema possa ripetersi anche con gli stipendi di Giugno”.

“A rimetterci non possono essere sempre i lavoratori che hanno estremo bisogno di questo stipendio, avendo figli da mantenere o mutui da pagare. Noi non lo permetteremo, per questo chiediamo con urgenza – conclude Bernardini – un incontro tra l’amministrazione comunale di Tivoli, la dirigenza Proximus-Valcomino e le OO.SS per risolvere una volta per tutte questa problematica. In caso contrario siamo pronti ad attuare tutte le iniziative lecite in nostro possesso, mobilitando non solo i lavoratori coinvolti ma anche la cittadinanza stessa di Tivoli che usufruisce di questi importanti servizi (assistenza anziani, disabili e minori). Lunedì 9 Giugno CGIL, CISL e UIL hanno convocato una assemblea dei lavoratori che si terrà dalle ore 18 alle ore 20 presso la sede Caf UIL di Tivoli per discutere degli stipendi e di alcune problematiche interne con la cooperativa”.

(*) http://www.uilfplromalazio.it/Comunicati_Si_tutelino_i_lavoratori_impiegati_nell_assistenza_domiciliare.html

Sandro Bernardini: Segretario Generale della Uil Fpl di Roma e Lazio

Sandro Bernardini: Segretario Generale della Uil Fpl di Roma e Lazio

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.