Berlusconi: Renzi da simpatico rottamatore a ”simpatico” tassatore

By on 25 Aprile 2014

Ampi brani dell’intervento a ‘Porta a Porta’ del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

“Renzi si é presentato come un simpatico rottamatore. Ora a poco a poco, si sta trasformando in un simpatico tassatore. Per dare 80 euro Renzi deve trovare dei fondi, sono 830 milioni di euro al mese per dare 80 euro. Per trovarli ha mantenuto la tassa sulla casa ed il prossimo anno gli italiani pagheranno 32 miliardi. E per quanto riguarda i risparmi e i depositi ha aumentato il prelievo fiscale dal 20 al 27%. Con una mano darà 80 euro, ma per tutti gli altri sparisce la tredicesima. Io penso che a me mai sarebbe stato consentito una mancia del genere per fini elettorali e prima di un’elezione. Renzi dovrebbe sfondare i vincoli europei per abbassare le tasse. Per rimettere l’ Italia in carreggiata bisogna abbassare le tasse tagliando la spesa pubblica, se invece come sempre fanno i governi di sinistra, si continua ad aumentare la spesa pubblica e le tasse non va bene”.

“Non mi sento in ricorsa, io partecipo a questa campagna elettorale ma guardando più in là sto portando avanti un’azione politica importante perché ho riflettuto sul fatto che il nostro paese dal 1948 in avanti non é riuscito a darsi un assetto istituzionale in grado di rendere il paese governabile”.

“Il 46% di chi ha votato Grillo é deluso e qualche volta anche disgustato sia dai parlamentari sia dal loro comportamento, se a questo 46% si può offrire qualcosa di solido, di veramente positivo per il futuro é possibile recuperare voti da questo 46%”.

“Il mio tragitto e’ convincere la maggioranza numerica del popolo dei moderati e di trasformare il popolo moderati da maggioranza sociale in una maggioranza politica ed organizzata. Questo é l’obiettivo delle politiche. Le europee sono importanti per combattere contro l’Europa di adesso ed é importante vincere per fare il primo gradino verso un obiettivo unico che ci può portare a diventare un paese governabile”.

“Guardo al traguardo delle prossime elezioni politiche a cui voglio arrivare con una forza di moderati che possa vincere da sola le elezioni, avere una squadra di ministri tutti della stessa maggioranza per fare riforme istituzionali e quella della giustizia”

“C’é indignazione forte per l’ingiustizia che ha portato un collegio feriale a prendere decisione su una sentenza assolutamente ingiusta contro la quale abbiamo fatto ricorso e chiederemo la revisione al tribunale di Brescia e sarà annullata. Quando so di essere a posto, mi possono fare tutto ciò che vogliono ma non mi scompongo. L’assistenza agli anziani non mi pesa, non credo che sottrarre qualche ora alla settimana per delle persone che hanno bisogno mi possa dare fastidio, lo faccio volentieri. E’ una grande struttura ho visto le foto dei giardini che sono molto grandi, li ci sarà molto da fare per chi ama la natura come me. Per quanto riguarda gli anziani potrò dialogare con loro di politica e argomenti culturali e storici, ma anche fare cose più umili, non sono spaventato spero di portare conforto morale e non solo”.

“Per il momento la riforma della legge elettorale é spiaggiata in Senato. Se poi andrà avanti la riforma del Senato, credo che difficilmente questa legge elettorale potrà essere costituzionale”.

“Io non sono così’ spiaciuto di una ’perdita di pezzi’ se vanno via persone che non hanno più motivazioni ideali ma vogliono continuare il mestiere della politica e occupare dei posti e poltroni. L’uscita di Angelino Alfano da Forza Italia é stato un dolore personale. Si tratta di persone alle quali in 20 anni ho dato tutto quello che potevo senza mai chiedere niente. Nelle settimane della mia decadenza da senatore, nel momento in cui avevo bisogno di essere sostenuto, affermando che se si andava avanti con la decadenza avrebbero fatto cadere il governo, Angelino Alfano (con il quale non ho fatto un solo tentativo di riconciliazione) e tutti coloro che sono usciti da Forza Italia non sono intervenuti. Ncd che doveva aggiungere il 2,6% dell’Udc, ha messo insieme tutti i pezzi della vecchia politica, della vecchia Dc, mi domando con quale speranza possano guardare a un futuro di affermazione. Io non mi spiego come dei professionisti della politica abbiano potuto pensare di poter portare al successo un piccolo partito”

“Non e’ facile trovare un leader. Io non ho mai detto di qualcuno che non avesse un quid, pensavo di averlo in casa…”

“Tutti sanno che, nonostante sia stato aggredito pesantemente nel mio patrimonio, questo mi ha sempre consentito di dare a Forza Italia quello di cui aveva bisogno. Ora non lo posso più fare. L’abolizione del finanziamento pubblico é una norma contra personam anche perché non abbiamo un sistema di fundraising. Il Pd ha il suo sistema economico interno che sono le cooperative, le case editrici e le feste. Hanno subito dei guai solo quando l’Urss ha smesso di finanziarli”

“Io penso di arrivare alle prossime elezioni politiche a superare il 36% che superammo anche nel 2008, é un miracolo pensare che siamo al 20% dopo quello che e’ successo con l’uscita di Ncd e Fdi sommando questi due partiti Forza Italia ritorna ad avere il 28 per centro. E’ miracoloso avere il 20% in un momento in cui gli altri partiti hanno avuto una presenza straordinaria con la totale assenza mia. Io penso che adesso abbiamo solo 35- 40 giorni, ma se riuscirò nelle poche apparizioni a toccare il cuore dei moderati e il loro interesse potremmo riavere voti del 2008 e penso che supereremmo il 25%”

“Non mi sono dimesso, io sono in politica da 20 anni ho dei traguardi da voler realizzare io non mi sono dimesso perché sono stato vittima di una serie di situazioni ingiuste che si sono create dentro la magistratura contro le quali io ho il dovere per me e per chi entra nel girone infernale della giustizia. Non ho nessun dubbio che sia la corte dei diritti uomo che la corte Brescia annulleranno la sentenza”.

“Noi non siamo un’ opposizione che dice sempre di no, noi abbiamo sempre approvato con i nostri voti le leggi che ci sembravano scritte negli interessi degli italiani, mentre la sinistra pensa solo al potere”.

“Bondi é un poeta e sognatore e come tanti si abbandona a fasi di malinconia io gli voglio bene, sarà sempre vicino a me mi vuole tanto bene. Ha fatto una riflessione che é andata oltre a quello che doveva fare”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.