Bando 70 milioni di euro circa per nuovi progetti destinati a giovani ricercatori.

By on 8 Gennaio 2013
Ricerca-EmilianoPAppuntamento settimanale con: “Mercato del Lavoro, Ricerca, Sviluppo Locale, Formazione, Finanziamenti”
A cura di Emiliano P.

IQ. 08/01/ 2013 – Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca mette a bando 70 milioni di euro circa per nuovi progetti destinati a giovani ricercatori.

Sono circa 70, i milioni di euro per la ricerca italiana e per il finanziamento di progetti in favore, tra gli altri, dei giovani ricercatori. E’ la somma stanziata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per i nuovi bandi FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base) “Futuro in Ricerca 2013” e PRIN (Progetti di Ricerca d’Interesse Nazionale). I bandi, pubblicati il 28 dicembre scorso, scadono rispettivamente il 4 febbraio (FIRB) e 11 febbraio 2013 (PRIN). I due bandi confermano l’impegno del MIUR per la ricerca, attraverso il consolidamento e il rafforzamento della valutazione scientifica dei progetti basata sulla “peer review”, la massima trasparenza delle procedure di valutazione, la certezza dei tempi e la semplificazione della presentazione dei progetti da parte dei ricercatori.

A partire da quest’anno, per garantire il necessario collegamento con le aree di ricerca previste a livello comunitario, la ripartizione dei progetti non avverrà più all’interno dei 14 settori disciplinari ma all’interno dei 3 macrosettori previsti dall’European Research Council. Quest’anno, infine, per la prima volta, il MIUR ha incrementato la percentuale delle risorse a vantaggio dei giovani ricercatori e quindi la quota destinata ai progetti FIRB che ammontano a quasi il 50% delle risorse complessivamente a disposizione (negli anni scorsi ci si era limitati ad una percentuale del 10%, minimo previsto dalla normativa vigente).

“Questi due bandi – sottolinea il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Francesco Profumo – confermano l’attenzione del MIUR verso la ricerca e i giovani, entrambi elementi essenziali per il rilancio del Paese e della sua competitività. Pur in un momento di ristrettezze economiche, è oggi più che mai significativo continuare a investire nei settori chiave per il progresso della conoscenza, e sui giovani ricercatori che rappresentano una risorsa nazionale da valorizzare al meglio. Per realizzare meglio questi obiettivi, le nuove procedure dei bandi – continua il ministro – sono volutamente più semplici e in linea con la prassi europea. Ciò permetterà all’intero sistema della ricerca italiana di essere più competitivo”.

 

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.