Anche Apple è nel mirino della Cina

By on 10 Ottobre 2019

Anche Apple è nel mirino della Cina a causa dell’approvazione nel suo store dell’app hkmap.live che traccia l’attività della polizia a Hong Kong, nel mezzo delle proteste pro-democrazia che da quattro mesi stanno scuotendo la città. Contro la casa di Cupertino si è mobilitato il Quotidiano del Popolo, la “voce” del Partito comunista cinese: “L’approvazione di Apple all’app ovviamente aiuta i ribelli – si legge in un commento – questo significa che intendeva essere complice dei rivoltosi?”. Apple subirebbe conseguenze per la decisione “imprudente e sconsiderata”. Le persone con coscienza e giustizia dovrebbero respingere la violenza e non tollerarla, commenta il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang, che nella conferenza stampa del pomeriggio ha detto di non avere informazioni: “Quello che posso dire è che questi crimini radicali e violenti a Hong Kong hanno seriamente sfidato il sistema legale e l’ordine sociale, minacciato la sicurezza delle vite e delle proprietà dei residenti e danneggiato la prosperità e la stabilità di Hong Kong”.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.