Amy Coney Barrett è una componente della Corte suprema americana.

By on 27 Ottobre 2020

Amy Coney Barrett è a tutti gli effetti una componente della Corte suprema americana. La conservatrice ha giurato nel corso di una cerimonia alla Casa Bianca, dopo che l’aula del Senato ha confermato la nomina fatta da Donald Trump. “E’ un privilegio essere stata chiamata a servire il mio Paese”, le sue prime parole dopo il giuramento. Prende il posto lasciato da Ruth Bader Ginsburg. “E’ un giorno storico per l’America”, ha detto Trump.

A una settimana dal voto, si tratta di una grande vittoria per il presidente, che regala all’Alta Corte una schiacciante maggioranza conservatrice: sei toghe su nove. Una situazione che non si presentava, dagli anni ’30, prima del New Deal di Franklin Delano Roosevelt. Una svolta che potrebbe incidere sul sistema giudiziario e sulla vita sociale degli americani per decenni, visto che i giudici della Corte Suprema non hanno una scadenza. E una svolta a cui Trump ha contribuito enormemente, avendo avuto la possibilità di nominare, prima della ultracattolica Barrett, altri due magistrati di estrazione conservatrice: Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh. “Ricoprirò il mio incarico in maniera indipendente dalla politica e dalle mie preferenze”, ha assicurato la Barrett.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com