Abu Bakr al Baghdadi ucciso grazie ad un uomo a lui vicino.

By on 30 Ottobre 2019

Abu Bakr al Baghdadi, capo dell’ISIS e terrorista più ricercato al mondo, è morto sabato notte durante un’operazione militare statunitense nel nordovest della Siria, resa possibile grazie all’aiuto di un uomo di cui non si conosce l’identità per ragioni di sicurezza, ma la cui esistenza è stata confermata da diverse fonti: di lui hanno parlato i curdi siriani e alcuni funzionari del governo statunitense rimasti anonimi, mentre il governo americano non ha voluto né confermare né smentire la sua esistenza. L’uomo, probabilmente un musulmano sunnita, faceva parte del circolo ristretto dei collaboratori di Baghdadi: era stato lui a sottrarre i boxer al capo dell’ISIS per sottoporli all’esame del DNA, confermando quindi la sua identità.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.