Grenfell Tower, 58 le persone disperse.

By on 18 giugno 2017

la polizia britannica ha annunciato che almeno 58 persone sono ancora disperse, e quindi presumibilmente morte, nell’incendio della Grenfell Tower, nell’ovest di Londra: un bilancio, ha precisato la London Police, che potrebbe ancora aumentare, aggiungendo che ci vorranno settimane, se non mesi, per identificare tutte le vittime. Tutti contro May, che ammette: “Non fatto abbastanza” Dopo le manifestazioni dei giorni scorsi, non si placa la rabbia nei confronti della premier Theresa May. Un migliaio di persone si è radunato davanti a Downing Street per protestare contro la premier chiedendone le dimissioni immediate. Nelle stesse ore il primo ministro ha ricevuto una delegazione di sopravissuti e di volontari della torre incendiata, dopo aver tenuto una riunione della task force creata dopo il disastro. E in serata, dice il Guardian online, May avrebbe riconosciuto che l’appoggio offerto alle famiglie vittime dallo spaventoso incendio della Granfell Tower di Londra, con decine di morti, “è stato insufficiente”. May ha promesso “un’inchiesta pubblica aperta e trasparente”, con le spese legali delle vittime e delle famiglie delle vittime pagate dal governo di Londra. “E’ stato deciso oggi – conclude May – che l’inchiesta pubblica farà capo a me personalmente. In quanto primo ministro, sarò responsabile nel renderne effettive le conclusioni”. Vite spezzate per pochi euro Il dolore si accompagna ora alle polemiche, mentre la conta dei morti non è ancora definitiva e allo strazio si aggiunge la drammatica consapevolezza, che a tanti dei corpi rimasti intrappolati nell’inferno della Grenfell Tower non si potrà mai dare un nome. Il materiale usato per rivestire la facciata del grattacielo era l’opzione più economica e infiammabile, secondo quanto scrive il quotidiano britannico ‘The Guardian’.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *